07 novembre 2015

TUTTO PRONTO PER LA SERATA DI GALA

ALIFE -Forti del successo delle passate edizioni, l’Associazione Alifana Arteatro porta avanti anche quest’anno l’importantissimo evento della Rassegna Teatrale “Teatro d’Amatore”. Dedicata esclusivamente al teatro, la rassegna è divenuta un appuntamento culturale di alta qualità, ricco per quantità e varietà di spettacoli, rivolto a un pubblico di tutte le età ed estremamente accessibile. Infatti il costo dei biglietti per i singoli spettacoli varia dai 5 ai 7 € mentre il costo dell’abbonamento per tutta la durata della rassegna va di 63 ai 45 €. È possibile prenotare o comprare biglietti ed abbonamenti presso la Tabaccheria Savoia di Alife in via Trutta. Il cartellone teatrale per la stagione 2015/2016 è già pubblicizzato e gli appuntamenti in cartellone quest’anno sono 9, dei quali fa parte anche la serata di gala che segna l’apertura ufficiale della Rassegna. Lo spettacolo d’inaugurazione ci sarà domenica 15 novembre 2015 alle ore 20.00 presso l’Auditorium dell’IPIA in cui ci sarà la partecipazione straordinaria del noto attore napoletano Giacomo Rizzo a cui andrà il “Premio Arteatro 2015”. L’ospite presente regalerà al pubblico un’esibizione tutta personale seguendo il suo straordinario repertorio di attore teatrale e cinematografico. Infatti nel corso della sua carriera Giacomo Rizzo passa dalla sceneggiata, entrando nella compagnia di Mario Merola, ai film del cosiddetto filone della commedia erotica all'italiana per poi tornare al teatro e lavorare dapprima con i fratelli Aldo e Carlo Giuffré e poi con la compagnia stabile del Teatro Sannazaro di Carlo Taranto e Luisa Conte. Il suo ruolo di protagonista nel film L'amico di famiglia di Paolo Sorrentino nel 2006 e presentato al Festival di Cannes, gli fa vincere il Premio Alberto Sordi come miglior attore dell'anno. Nel 2010 recita la parte di un impiegato delle poste nel film Benvenuti al Sud e nel 2012 partecipa anche al sequel Benvenuti al Nord. È tra i protagonisti del film Fallo per papà di Ciro Ceruti e Ciro Villano e, nel 2013, del film-parodia Sodoma - L'altra faccia di Gomorra. Infine lo troviamo nel più recente film di Alessandro Siani “Si Accettano Miracoli”. Dal 2009 dirige la scuola di recitazione del Teatro Bracco di Napoli. La serata sarà quindi piena di emozioni e di momenti altamente appassionanti da vivere in prima persona, in una sala silenziosa in cui si accarezza la dolce e soffusa atmosfera del teatro.

Pietro Rossi

Definiti i criteri per l'assegnazione delle aree per la realizzazione delle cappelle gentilizie all'interno del cimitero comunale caiatino.

Tommaso Sgueglia
CAIAZZO - Con delibera adottata nell'ultima seduta della scorsa settimana, la giunta presieduta dal sindaco Tommaso Sgueglia ha impartito un apposito atto di indirizzo al settore Lavori Pubblici e Manutenzione affinché venga seguito un criterio univoco nell'attribuzione ad un cittadino richiedente piuttosto che ad un altro i diversi mini lotti frazionati nella nuova ala del camposanto per rendere così possibile l'edificazione di cappelle funebri. Il criterio scelto dall'amministrazione e da seguire da parte dell'ufficio tecnico comunale dovrà essere quello dell'ordine cronologico delle istanze pervenute dai caiatini e dalle caiatine che intendono costruire per sè e per le rispettive famiglie i manufatti contenenti diversi loculi. Bisognerà procedere all'assegnazione dei 7 lotti contrassegnati dai numeri dispari a sinistra e dai pari a destra, secondo una planimetria redatta dal competente ufficio municipale.  L'indirizzo così come formulato è stato impartito dall'esecutivo Sgueglia dopo che, nei mesi scorsi, sono stati ultimati i lavori di ampliamento del cimitero per quasi un milione e 300 mila euro, in cui sono ricompresi anche le 7 aree sulle quali dovranno sorgere altrettante cappelle gentilizie. "Le opere di ampliamento del camposanto cittadino che abbiamo portato a termine negli ultimi mesi - dichiara il sindaco Sgueglia - è un risultato importante è molto atteso in città da parte dei residenti.  In tale ambito, sarà possibile edificare anche le cappelle gentilizie sui lotti previsti nel progetto appena realizzato, dando così la possibilità al complesso funerario di soddisfare le diverse esigenze che provengono dalla popolazione". 
Pietro Rossi


Giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana dei Volontari (V.F.P.1)

L’ Associazione S.O.F.I.A. Onlus partecipa alla cerimonia di Giuramento di fedeltà dei Volontari (VFP1) del 3° blocco 2015 . In data 06 Novembre 2015, presso la Caserma “Oreste Salomone” di Capua, si è svolta la cerimonia di Giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana dei Volontari (V.F.P.1), alla quale hanno partecipato le massime autorità civili, religiose e militari delle Forze Armate e delle Forze dell’ Ordine. La S.O.F.I.A.,che funge da supporto alle Agenzie educative primarie, quali la famiglia e la scuola, spinta dai gravi fatti di cronaca accaduti poche settimane fa , ha guardato con particolare attenzione, alla zona del centro storico di Napoli. Infatti ,ha sentito forte il desiderio di far assistere al Giuramento Solenne una folta delegazione dei ragazzi dei Rioni di Forcella e Sanità, che frequentano l’ Istituto delle  Suore di Santa Giovanna Antida  a“Regina Coeli“, in modo da dare un concreto supporto di legalità in questo territorio ad elevato rischio criminalità, operando con queste iniziative socio-pedagogiche, strumento educativo capace di avvicinare i ragazzi di questa difficile realtà alla divisa dell’ Esercito Italiano. Sofia Bianco, presidentessa dell’ Associazione S.O.F.I.A. Onlus, con questa ennesima iniziativa socio-pedagogica,ha inteso ribadire il concetto secondo il quale,è un efficace strumento educativo capace di avvicinare i ragazzi di questa difficile realtà alla divisa dell’ Esercito Italiano.  Infatti, grazie alla preziosa ed operosa collaborazione dell’Esercito Italiano, rappresenta in sintesi, il valido impegno delle Forze Armate alla diffusione della cultura del rispetto che passa necessariamente per il radicamento e la diffusione di valori sani e per la consapevolezza della cultura della memoria storica. Infatti, al termine della manifestazione , è stato bello trovare il momento fuori programma per l’incontro degli alunni, accompagnati da Sofia Bianco ,con il Comandante del Raggruppamento Unità Addestrative (R. U. A.) Gen. B Giuseppe Faraglia, in quanto gli alunni presenti hanno donato alla Massima Autorità , un gagliardetto dell’ Associazione S.O.F.I.A. molto attenta a rivalutare dei “Valori della Patria e sul concetto di Legalità”; sottolineando il compito dell’ Esercito Italiano ed il ricordo, in segno di ringraziamento, al sacrificio compiuto dai nostri Valorosi soldati nel corso della Grande Guerra della quale quest’anno ne cade il centenario dell’entrata in guerra della nostra Nazione. Contestualmente il Gen. B. Faraglia, ha ringraziato Sofia Bianco, presidente dell’ Associazione S.O.F.I.A. Onlus, per la Sua partecipazione ma, soprattutto, per essere continuamente portavoce del vero sociale, quello che inizia da se e che da se produce; stimolandola altresì a proseguire con la semina della cultura dei valori attraverso nuovi eventi che coinvolgono la partecipazione di numerose Istituzioni. Dal canto Suo la Sig.ra Bianco ha ringraziato il Gen. Faraglia ,per il sorriso, l’approccio paterno e del dono offerto ai ragazzi, molto gradito e significativo,  di pergamene raffiguranti la nostra Amata Nazione; affermando che le Forze Armate, in questo momento storico, in cui molti valori sembrano venuti meno, continuano ad essere un punto di riferimento per la difesa di quei principi che costituiscono i fondamenti della nostra società.

Arte e Cultura in Terra di Gomorra

Lunedì 09 novembre 2015, alle ore 17:30, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Diocesana“La luce vince l’ombra”, presentazione dei due eventi tenuti a Casal di Principe e Casapesenna, Mostra Uffizi nel bene confiscato “Casa di don Diana” – “Ars Felix” mostra/laboratorio di artisti casertani. Dopo i saluti di don Nicola Lombardi e di Imma Fedele, interverranno Renato NataleGiacinto PalladinoEnzo Battarra e Luca Palermo. Coordineranno Pasquale Iorio e Daniela SantarpiaOrganizzato dal Forum Casertano del Terzo Settore e dal Gruppo di Iniziativa Territoriale di Caserta della Banca Popolare Etica, in collaborazione con AiSLO, Auser Caserta, Presidio Libera – Caserta, è un continuum sul tema delicato e complesso che riguarda la criminalità organizzata, tema su cui l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “S.Pietro” mantiene sempre viva l’attenzione. Dopo, infatti, la presentazione del libro di Raffaele Sardo su don Peppino Diana, di venerdì 06 novembre, questo evento, che raccoglie l’esperienza delle due mostre fatte in beni confiscati alla camorra, approfondirà la tematica sull’esigenza di cercare strumenti diversi per la lotta all’illegalità, attraverso appunto l’arte e la cultura in Terra di Lavoro (oggi tristemente nota quasi esclusivamente come terra di Gomorra o terra dei Fuochi). Saranno proiettati documentari e filmati realizzati in occasione delle due mostre e si terrà una esposizione di prodotti tipici delle cooperative sociali delle terre di don Diana.

Ufficio Comunicazioni
ISSR “S.Pietro” – Caserta

‘INCONTRO COLORATO’ CON GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO “B.CROCE” DI VITULAZIO, IN PROVINCIA DI CASERTA

VITULAZIO - Sabato 7 novembre William Salice incontrerà gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Benedetto Croce” a Vitulazio, in provincia di Caserta. “Motore” dell’iniziativa il COLOR Paolo, che è stato quest’anno al COLORcampus e ha voluto promuovere la missione della Fondazione proprio con la presenza di William, con la collaborazione del Dirigente Scolastico dott. Giacomo Coco.  Paolo, che vuole seguire il percorso come “Winner” per tornare per la seconda volta al COLORcampus , deve, tra i tanti compiti, svolgere un’attività di promozione della Fondazione nella scuola frequentata. William Salice illustrerà la nascita della Fondazione,  l’attività svolta in questi 7 anni  di vita, i risultati conseguiti e le prospettive per il futuro.  Non mancherà di parlare della sua storia personale che lo ha portato dopo una vita in Ferrero, a creare  un luogo dove i giovani “possono sognare e imparare a essere  artefici del proprio destino”.