30 giugno 2017

Lo sviluppo locale affidato ai GAL.


PIEDIMONTE MATESE - Nei giorni scorsi è stata pubblicata la seconda graduatoria regionale definitiva per gli ultimi quattro gruppi di azione locale (GAL) selezionati con il secondo bando della Misura 19 pubblicato questa primavera.E’ stato completato così il quadro delle risorse da impegnare per lo sviluppo locale destinato ai GAL. Circa 100 milioni di euro che la Regione Campania destinerà allo lo sviluppo rurale nei quindici territori rappresentati dai GAL, dal confine con il Lazio (Alto Casertano) a quello con la Basilicata, attraversando l’intera Campania, per iniziative e progetti proposti dalle comunità locali: Cittadini, Associazioni, Imprese, Artigiani, Comuni, Enti Parco, Enti sovracomunali. Il disegno che la Regione ha tracciato è stato il frutto di un grande lavoro a cui tutti i soggetti hanno potuto contribuire, condividendo idee e modelli, per tradurli in iniziative adeguate al raggiungimento dei tre obiettivi strategici verso il 2020: una Campania Verde, una Campania Solidale, una Campania Innovativa. Il GAL Alto Casertano è stato selezionato nel primo Bando (scaduto ad agosto 2016) ed è in fase di start up per questa nuova fase della programmazione dello sviluppo rurale. Il Presidente de Cesare: Una sfida per rilanciare le nostre aree rurali, per conseguire come richiestoci dalla Comunità Europea una "crescita intelligente, sostenibile, inclusiva". Entro l’autunno il GAL Alto Casertano pubblicherà i primi Bandi, preceduti da incontri di approfondimento con i potenziali beneficiari, articolati nel comprensorio dei 48 comuni che fanno parte delle due macroaree definite C e D.

Pietro Rossi


Anche la provincia di Caserta al raduno de “I pischelli in cammino”, la community che ha già coinvolto migliaia di giovani in tutta Italia, svoltasi a Roma.


"Tutto esaurito" alla “Casa del Cinema” che ha ospitato il raduno. Giovanissimi di tutta Italia si sono dati appuntamento a Roma per incontrarsi, confrontarsi e discutere su temi e problemi particolarmente cari ai giovani. Un vero e proprio esercito che, nato dall’idea di un sedicenne originario di Lecce, Federico Lobuono, sta contagiando gli under 25 che hanno deciso di "stringersi a coorte" per poter giocare un ruolo a sostegno del Partito Democratico in generale e di Matteo Renzi in particolare.  La comunità dei “Pischelli In Cammino” nasce con l’obiettivo di far avvicinare i ragazzi sotto i 25 anni alla politica. La storia dei "pischelli" - che in gergo romano significa appunto "ragazzi" - è frutto dell'iniziativa del sedicenne pugliese che al Lingotto ha preso la parola impressionando parecchio l'ex premier, che ha deciso di citarlo nel suo intervento conclusivo: "C'è una generazione che non abbiamo preso al referendum, sono i Millennials che dobbiamo andare a prendere. Sono pieni di valori e ideali". Da quel giorno Federico si è dato da fare e si è rivolto ai ragazzi del web. E, come racconta l'agenzia Dire, il suo attivismo su Facebook ha conquistato parecchi baby dem. Tanti like, faccine sorridenti, slogan "giovanili", tra un ricordo delle vittime della mafia, un appello per le rinnovabili e la battaglia per abbassare l'età di voto alle amministrative a sedici anni. A rappresentare la Provincia di Caserta al Pincio c’era il quindicenne Paolo Scialdone, giovanissimo studente del Liceo Scientifico Pietro Giannone di Caserta e residenza a Vitulazio. Nel suo intervento davanti all'affollata platea il giovane vitulatino ha fatto valere le sue idee. Citando eccellenze di Terra di Lavoro quali i Servillo, Fausto Mesolella e Don Diana, il giovane Paolo ha detto che  “non possiamo pretendere il cambiamento restando fermi e non mettendo in pratica le nostre idee”. Tra gli ospiti della giornata l’atleta paraolimpica Laura Coccia e Manuela Olivieri, moglie del grande campione scomparso qualche anno fa, Pietro Mennea.



Al via la quarta edizione dei 100 km del Matese.

PIEDIMONTE MATESE  - Ancora una volta saranno protagonisti la natura, gli scorci mozzafiato e le bellezze del Matese a
far da sfondo ad altre bellezze a 2 e 4 ruote, gioielli motoristici che in quell'occasione potranno sfoggiare il meglio delle loro vesti e prestazioni. La due giorni matesina comincerà sabato 1 luglio con l’ incontro in piazza Carmine da cui si partirà per il convento di Santa Maria Occorrevole, meglio nota come San Pasquale, ove sarà possibile visitare a piedi la meravigliosa "Solitudine" ed il convento francescano con la guida dei frati ivi ospitati. Si tratta di un percorso tra i monti fino ad un'antica cappella, ricchi di storie e fascino per i miracoli che si racconta siano accaduti. Tra questi il masso miracolosamente sospeso sulla testa di San Michele mentre pregava ed ancora l'affascinante leggenda legata al religioso silenzio di quei luoghi. Al termine della passeggiata non mancherà una benedizione speciale a tutti gli amici presenti, che abbiano gambe o ruote. In serata, con gli amici che vorranno raggiungerci, ci ritroveremo a bordo piscina del Vernelle Country Resort di Alife dove potremo gustare deliziose pizze tipiche Alife e accompagnate da una pregiata birra artigianale prodotta in zona e sempre più nota nell'ambiente enogastronomico. L'indomani mattina, domenica 2 luglio, mentre si perfezioneranno le iscrizioni sarà possibile fare colazione in piazza Roma di Piedimonte Matese fino alla partenza per il giro attraverso strade montane e borghi affascinanti. In primis Castello del Matese e San Gregorio Matese fino ad una prima sosta con aperitivo tipico a Bocca della Selva, rinomato centro sciistico,  continuando poi con il passaggio a Pietraroja, Cusano Mutri, Cerreto Sannita e Faicchio dove si gusteranno piatti tipici mentre saranno distribuiti attestati e ricordi per tutti i partecipanti. Al termine si riprenderà il giro per rientrare a Piedimonte Matese e salutarsi alla nuova edizione.  Saranno ammessi un massimo di 80 veicoli di interesse storico e collezionistico immatricolati entro il 31 dicembre 1985. Le preiscrizioni ed iscrizioni saranno accettate secondo un ordine cronologico fino al raggiungimento del numero massimo previsto. Per gli altri che eventualmente interverranno non sarà garantita la partecipazione al giro e o ai servizi forniti agli scritti. Al momento dell'iscrizione sarà possibile scegliere il numero preferito e, se non disponibile, sarà assegnato il primo numero utile.  È possibile il pernottamento in loco a prezzi agevolati con la priorità per coloro che vengono da più lontano.   La raccomandazione è che le auto partecipanti siano in regola con il codice della strada e meccanicamente in ordine. Considerata la notevole variazione di altitudine prevista, è consigliabile un particolare controllo all'impianto di raffreddamento e frenante.   

Pietro Rossi

LA SCUOLA AL CENTRO, FINANZIATI DAL MIUR I PROGETTI DI TANTISSIME SCUOLE DI TERRA DI LAVORO CHE RIMARRANNO APERTE NEI MESI ESTIVI.

On. Camilla Sgambato
"Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha pubblicato oggi le graduatorie finali del bando 'La Scuola al Centro' per favorire il potenziamento dell'offerta formativa delle scuole, contrastare la dispersione scolastica e favorire l'inclusione sociale, e la Campania è la Regione con il maggior numero di scuole ammesse ai finanziamenti". A dichiararlo l'On. Camilla Sgambato, componente della VII Commissione Cultura, Scienze e Istruzione della Camera dei Deputati. "Sono oltre 860 gli istituti campani, di cui moltissimi della Provincia di Caserta, a beneficiare dei fondi stanziati dal Miur per mettere ancora una volta il mondo della scuola al centro della vita delle nostre comunità anche nel periodo estivo ed oltre. Si avrà, quindi, un primo importante potenziamento dell'offerta in orario extra scolastico, di pomeriggio o nei mesi estivi con una attenzione significativa allo sport, alla musica, ai laboratori di lingue, al teatro, all’innovazione digitale, per un totale di oltre un milione di ore di attività aggiuntive", continua la parlamentare democratica. "Un sostegno importante del Governo e del Miur che consentirà ai nostri alunni, ai docenti e ai genitori di unire l’aspetto formativo a quello educativo, sociale e ricreativo, per vivere in modo diverso e significativo la scuola. Ancora una volta dal Governo, ed in primis dalla ministra Fedeli di concerto con la direzione scolastica regionale, arriva il segno tangibile della sua presenza in un territorio difficile come il nostro e della sua sensibilità verso le istanze e le aspettative di un futuro migliore che nutrono soprattutto le giovani generazioni di Terra di Lavoro", conclude Sgambato.


PROROGA RATE TARI, PER IL GRUPPO CONSILIARE “SIAMO PIEDIMONTE” LA DELIBERA È NULLA PERCHÈ RATIFICA UN ATTO DEL SINDACO ILLEGITTIMO.

Avv. Carlo Grillo
“La delibera di Consiglio comunale sulla proroga della scadenza delle rate sulla Tari, adottata nella seduta di insediamento di ieri è palesemente a rischio nullità, se non di fatto nulla perché ratifica un atto sindacale praticamente illegittimo.  Del resto, a riconoscere l'errore compiuto è stato per primo il sindaco Di Lorenzo in aula quando ha ammesso di aver scambiato i poteri del Commissario straordinario con quelli del capo dell'Amministrazione che, a differenza del primo, non può assolutamente sostituirsi al Consiglio comunale.  Eppure, nonostante il nostro gruppo consigliere SiAmo Piedimonte glielo avesse fatto notare in uno alla dichiarata illegittimità di una disposizione sindacale che non ha alcun valore, il sindaco Di Lorenzo e la sua maggioranza, con il voto favorevole anche del gruppo di minoranza di Noi di Piedimonte, ha deciso di forzare la mano e di declinare il nostro invito a rinviare l'argomento al prossimo Consiglio da tenersi entro e non oltre il prossimo 31 luglio”.  A dichiararlo il gruppo consiliare di SiAmo Piedimonte all’indomani della trattazione dell’argomento nel primo Consiglio durante il quale il capogruppo Carlo Grillo ha fatto notare che la delibera è viziata.   “La nostra idea era e resta quella di procedere ad una modifica organica ed omogenea dell'art.16 del regolamento sulla Tari, che meritava e merita maggiore attenzione, e di evitare l'adozione di atti illegittimi e la conseguente applicazione di sanzioni a carico dei cittadini e dei commercianti piedimontesi, molti dei quali già in queste ore stanno ricorrendo all'istituto del ravvedimento operoso per evitare in futuro il pagamento di more a causa di una decisione illogica ed affrettata presa dalla maggioranza del sindaco Di Lorenzo.  Sarebbe bastato adottare ex novo una delibera dello stesso contenuto da parte dello stesso Consiglio comunale ma non ci si può chiedere di approvare un atto nullo. Ci siamo, perciò, astenuti sull'argomento perché se da un lato siamo favorevoli allo slittamento dei termini di scadenza delle rate della Tari, dall'altro lato siamo altrettanti convinti che sia necessario rispettare la norma e seguire le procedure in maniera corretta così da evitare non solo il danno, ma prima o poi anche la beffa per i già tartassati piedimontesi”, spiegano i consiglieri Grillo, Sara Petella e Clotilde Riccitelli. “D'altro canto, aspettare qualche giorno ed eliminare i vizi di illegittimità avrebbe consentito di fare le cose per bene, invece la maggioranza e parte della opposizione hanno preferito accelerare i tempi adottando una delibera nulla, tralasciando ogni considerazione sul carattere di urgenza di un argomento per cui ce tempo fino al 31 luglio. Se questo è il buongiorno, allora non osiamo immaginare cosa ci riserverà il prosieguo di una consiliatura che ci deve vedere impegnati a lavorare per il bene della città indubbiamente, ma sempre e comunque rispettando norme e regole.  Infine, vogliamo ricordare che le modifiche ad un regolamento, per entrare in vigore, devono essere pubblicate per 15 giorni all'alba pretorio e poi sono esecutive, procedura questa neppure rispettata attesa la votazione per l'immediata esecutività della delibera effettuata in Consiglio”, conclude la minoranza.

Comunicato Stampa Gruppo SIamo Piedimonte

28 giugno 2017

Trasforma il tuo sogno in realtà


Coloro che desiderano pubblicare un racconto, una poesia oppure personaggi le cui gesta si desiderano tramandare ai posteri possono inserire il tutto nei nostri volumi. Un parente, un amico, un conoscente che ha fatto o sta facendo qualcosa di rilevante, oppure una testimonianza da non dimenticare, rendetecelo noto, lo pubblicheremo. Le modalità: far pervenire all’Associazione Dea Sport Onlus di Bellona (CE) il materiale da pubblicare tenendo presente che ogni pagina contiene 3000 battute spazi compresi per cui se la pubblicazione dovesse superare dette battute saranno impegnate più pagine. Per partecipare alla pubblicazione si accetta un contributi di euro DIECI a pagina da versare su ccp Nr. 33785874 intestato: Ass. Dea Sport Onlus Bellona. I libri, qualora si intendesse acquistarli, bisogna prenotarli entro il 15 ottobre 2017 al costo di euro DUE per copia. Il volume sarà composto di tre sezioni: biografie, narrativa e poesie. Dunque, coloro che volessero realizzare il sogno nel cassetto hanno la possibilità di trasformarlo in realtà. Il materiale da pubblicare deve pervenire entro il 15 ottobre 2017 presso la nostra sede: Via Regina Elena, 28 di Bellona Telefax 0823 966794 oppure via email: deasportonlus@gmail.com  Il volume sarà presentato alle ore 17 di sabato 02 dicembre 2017 nell'Auditorium del Centro Parrocchiale di Vitulazio (Caserta) durante la XIII edizione di “Ambiente Cultura Legalità. La collana del libro CHI E’? oltre ad essere consultabile nella sezione libri del quotidiano www.deanotizie.it si può anche consultare presso le seguenti biblioteche:  
CE0011 NAPAC - Biblioteca dell'Archivio di Stato di Caserta - Caserta - CE
CE0014 NAP24 Biblioteca F. Messa della società di Storia Patria di Terra di Lavoro - Caserta - CE
CE0072 NAPCE  - Biblioteca della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Caserta e Benevento - Caserta - CE - [consistenza] V. 1-6
NA0079 NAPBN - Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III - Napoli - NA
FI0098 CFICF - Biblioteca nazionale centrale - Firenze - FI
In attesa della catalogazione presso la Biblioteca Nazionale di Roma e della Biblioteca Archivio di Stato Vaticano.


Biblioteca 
Ciao desidero comunicarti che all’interno della nostra Associazione stiamo allestendo una biblioteca. Vuoi donare un libro anche usato? Grazie Franco Falco

Francesco Falco
mobile: 320 2850938

Ancora disservizi negli Uffici Comunali di Caserta

Vito Conforti
Negli ultimi tempi molti cittadini di Caserta lamentano la lentezza degli uffici del Comune nell’espletamento dei servizi ai cittadini, le lamentele del caso sono state riportate anche da alcune associazioni dei consumatori. Ci sono giunte, ha ribadito Vito Conforti Presidente Provinciale di Lega Consumatori, segnalazioni di continui disservizi negli uffici del Comune di Caserta, code di utenti e tempi lunghi  di attesa per l’espletamento di pratiche. I motivi non sono chiari, forse a causa del numero esiguo di operatori rimasti in servizio, molti sono andati in pensione ed altri sono stati spostati in altri uffici. A tal proposito credo che l’Amministrazione Comunale di Caserta dovrebbe adeguarsi ai principi contenuti nella riforma del pubblico impiego, dovrebbe pensare ad una organizzazione della struttura che si rapporti con l’esterno agevolando quanto più possibile le relazioni con i cittadini in modo idoneo a dare risposte immediate, anche con l’ausilio dell’informatica. Inutile ricordare, continua Vito Conforti, che la crescita dell’efficienza, dell’economicità e dell’efficacia dell’operato della Pubblica Amministrazione, si realizza innanzitutto attraverso una maggiore responsabilizzazione della Dirigenza. E’ ormai obiettivo consolidato tutelare gli interessi dei cittadini utenti e dei consumatori, sostenendo le istanze del consumo consapevole e sostenibile, e che a tal fine si intende rafforzare il lavoro di sinergia fra Amministrazioni locali e la nostra Associazione dei consumatori.

Lega Consumatori Caserta
 Addetto Ufficio Stampa

        Pietro Rossi

24 giugno 2017

Fermiamo la chiusura dello Stadio del Nuoto di Caserta.

Prof. Vito Conforti
Sta avvenendo l'ennesimo cambiamento negativo nella città di Caserta.....la chiusura dello Stadio del Nuoto a lanciare l’allarme è il Prof. Vito Conforti, Presidente Provinciale della Lega Consumatori. In seguito ai sopralluoghi dei delegati delle Universiadi c'è stata una denuncia di non conformità da sanare entro 80 gg.  La soluzione prospettata è la chiusura  della  piscina. La chiusura, ricorda Vito Conforti, rappresenta un danno alla comunità sia in termini economici che salutari, per tale motivo chiediamo che sia rivisto il piano di adeguamento. Per scongiurare il pericolo di chiusura, che giorno dopo giorno diventa sempre più concreto, il prossimo 26 giugno alle ore 10.00 i rappresentanti delle 24 società che svolgono le proprie attività nella piscina e gli iscritti scenderanno in piazza per far valere le proprie ragioni e ribadire il proprio “no” alla chiusura della struttura. Per tale motivo, ha ribadito il Presidente provinciale di Lega Consumatori Conforti, chiediamo a tutti i cittadini di firmare la petizione popolare on-line indirizzata al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per scongiurare la chiusura dello stadio del nuoto di Via Laviano.

Lega Consumatori Caserta
 Addetto Ufficio Stampa

        Pietro Rossi

23 giugno 2017

La Confagricoltura di Caserta contraria ad apportare modifiche al Disciplinare della Mozzarella di Bufala DOP

Confagricoltura Caserta scrive al Ministro Maurizio Martina e al Presidente Vincenzo De Luca per manifestare la ferma posizione contraria a qualsiasi proposta di modifiche del disciplinare di produzione della Mozzarella di Bufala Campana DOP promossa dal Consorzio di Tutela della Mozzarella in sede di Assemblea dello scorso 4 maggio 2017. Il Presidente di Confagricoltura Caserta, ing. Raffaele Puoti, rappresenta che nell’ultima assemblea del Consorzio del 4 maggio 2017 sono state approvate con parere contrario degli allevatori, produttori di latte di bufala, e anche di alcuni trasformatori, ben 18 punti di modifica del disciplinare di produzione della mozzarella, cambiando e disconoscendo l’unicità del processo produttivo della Mozzarella DOP, rappresentativo di una storia, di una cultura e di una tradizione
Le principali modifiche sono state:
1.     La mozzarella potrà avere FORME molteplici, diverse da quella tipica tradizionale      (Mod.9);
2.    Nessun limite di PESO per la singola “mozzarella” che il disciplinare dispone,      invece, un valore massimo di 3 kg (Mod.10);
3.      La mozzarella DOP potrà essere congelata: FROZEN (Mod.11);
4.   La mozzarella DOP perde la tipicità di un prodotto fresco finito e potrà essere utilizzato come ingrediente per ulteriori prodotti e potrà essere, nel caso,   commercializzata anche senza acqua di governo: Ho.Re.Ca. (Mod.12);
5.    Sarà possibile utilizzare non solo acqua bollente per la lavorazione della pasta, così come indica la tradizione e ribadisce il disciplinare, ma anche il vapore, utile e necessario per sciogliere prodotti congelati (Mod. 5).
Il nuovo disciplinare di produzione individuerebbe, pertanto, 5 tipologie di Mozzarella di Bufala Campana DOP, tutte DOP:
I.       “Lavorata a mano”;
II.     “Affumicata”;
III.    “Frozen”;
IV.    “Esclusivamente per uso professionale – non destinato al consumatore finale”;
V.     “Senza lattosio”.


È evidente che con tali modifiche si perdono le caratteristiche e le ragioni di un prodotto tutelato con il marchio DOP. Il DOP è un marchio che tutela la tradizione di un processo produttivo a fronte di un’innovazione tecnologica che risulta utile e utilizzabile per altri prodotti. Sembra assurdo, ribadisce il Presidente Raffaele Puoti, che un prodotto come la Mozzarella debba essere tutela dagli allevatori, produttori di latte, e non già da coloro che producono proprio la mozzarella e dallo stesso Consorzio di Tutela con specifica delega del Ministero. Confagricoltura Caserta, in qualità di rappresentante degli allevatori, in nome e per loro conto, è contraria a qualsiasi modifica del disciplinare che possa inficiare quella storia e quella tradizione che fanno della mozzarella un prodotto tipico, tutelato dal marchio DOP. Il Presidente Raffaele Puoti chiede il sostegno del Ministro Martina e del Presidente della Regione De Luca affinché la Mozzarella di Bufala Campana DOP resti un prodotto tipico e tradizionale che racconti una storia, una cultura contadina e non diventi un prodotto industriale dalle mille facce.

SPOSTATO AL 21-22 OTTOBRE L’8°RALLY PROVINCIA DI CASERTA

CELLOLE - Era tutto pronto. Domenica erano stati regolarmente consegnati i radar agli equipaggi iscritti e, già ricevute tutte le autorizzazioni del caso da Comuni, Prefettura e Questura, al completamento degli incartamenti che avrebbero consentito agli organizzatori dell’8° Rally Provincia di Caserta di dare regolarmente il via alla gara, mancava solo l’autorizzazione della Provincia di Caserta, proprietaria di alcune strade attraversate dalle Prove Speciali.  Attesa e sollecitata più volte, la necessaria autorizzazione al transito non è ad oggi ancora arrivata e questo ha portato gli organizzatori del Rally Provincia di Caserta, ASA2C 1971, in accordo con i promotori dell’Associazione Sportiva Rally Città di Cellole, a chiedere di spostare il rally al 21 e 22 ottobre prossimi. “Tutti i passi organizzativi sono stati mossi. Abbiamo tutte le autorizzazioni per la chiusura delle strade interessate dalle Prove Speciali da Comuni e relative Questure e Prefetture. Finanche le coppe della premiazione sono già state pagate e consegnate, ma questo stato di sospensione cui ci costringe la Provincia di Caserta (ente in dissesto finanziario n.d.r.) - ci dice Gioacchino Cimmino della ASA 2C 1971 – non ci mette nelle necessarie condizioni di tranquillità a soli quattro giorni dall’evento” “Meglio rimandarla – ci conferma Giacomo Verrico dell’Associazione Sportiva Rally Città di Cellole – anche se ormai tutti gli investimenti necessari erano stati fatti. Ad ottobre, tra l’altro, soffriremo di meno un calendario che in questi ultimi due fine settimane ha visto svolgersi nel bacino dove anche noi andiamo a pescare gli iscritti ben due gare. Tutto è pronto, come dimostra la distribuzione dei radar avvenuta domenica, ma potevamo mai rischiare un problema all’ultimo secondo?” Appuntamento al 21-22 ottobre allora, con il percorso già definito e tutto il contorno già avviato, sperando che nel frattempo qualcuno in Provincia si renda conto che organizzare un rally impegna persone, tante, ed un budget notevole. E, soprattutto, che quell’impegno e quei soldi non possono assolutamente andare perduti.


Pietro Rossi

L’INDIFFERENZA DELL’ AMMINISTRAZIONE COMUNALE, SULLE RICHIESTE DEL CENTRO SOCIALE ANZIANI. IL CENTRO ANZIANI, CHIEDE AIUTO E RIVOLGE UNA MISSIVA AL SIGNOR PREFETTO DI CASERTA.


Giuseppe Di Cerbo
BAIA LATINA - Il centro Sociale  Anziani “Latina” dopo continue richieste sia verbali che documentali rivolte al Sindaco Giuseppe Di Cerbo  rimaste da lui e dall’intera Amministrazione Comunale inascoltate, con una missiva del 12 c.m. inviata al Sig. Prefetto di Caserta, fa presente quanto segue:   Il Centro Sociale Anziani istituito con Delibera di C.C. 53 e 54 del 30.11.2011, negli ultimi quattro anni è sempre stato attivo e pieno di iniziative sociali, nel rispetto dello Statuto e del Regolamento istituito dalle delibere sopra citate. Attualmente i locali sono in uno stato di degrado e di in praticabilità  per i seguenti motivi: Premesso che i locali sono di proprietà comunale e quindi utilizzati anche per usi istituzionali del Comune, si riporta qui di seguito le comunicazioni intercorse tra il Centro Sociale Anziani e il Sindaco del Comune di Baia e Latina:
 1°Richiesta manutenzione locali di proprietà del Comune di Baia e Latina in uso del centro Sociale Anziani “latina”, Prot. N° 0004235 del 07 luglio 2016 che si allega in copia;
 2°Richiesta Sollecito manutenzione locali ….. Prot. N° 0000248 del 17 gennaio 2017 che si allega in copia.
“…Il sottoscritto fa presente alla S/V. che i locali specie “la cucina e il Bagno” gravano in condizioni di non praticabilità …”

Comunicazione del Sindaco sulla richiesta manutenzione locali; condivisione programma,
Prot. in uscita N°446 del 25 gennaio 2017, che si allega in copia.
ü  Delibera di Giunta Municipale N° 14 del 25 gennaio 2017 con relativo impegno di spesa, che si allega in copia.
ü  Richiesta Bandiere da esporre esternamente ai locali del Centro Sociale Anziani, come da prot. del Comune N.0000249 del 17 gennaio 2017 in quanto quelle esposte, la bandiera della Comunità Economica Europea, la bandiera  Nazionale e la bandiera del Comune di Baia e Latina, sono attualmente ridotte in brandelli come da foto in allegato.
Si allega copia della comunicazione agli atti del Comune di Baia e Latina e le relative foto.

La missiva si conclude con un accorato appello:
Signor Prefetto, come Lei può verificare dagli atti e dalle foto in allegato, i locai in uso al Centro Sociale Anziani “Latina”  sono in uno stato di degrado e di in praticabilità, ometto di descriverle la muffa e il cattivo odore che c’è all’interno,  e non riusciamo a comprendere per quali motivi l’Amministrazione Comunale di Baia e Latina, nonostante ulteriori solleciti verbali, si ostina a non intervenire al fine di dare la possibilità agli iscritti del Centro Sociale Anziani di utilizzare il centro stesso per la socializzazione e il tempo libero che questi centri apportano.
Signor Prefetto nel ringraziarla anticipatamente, Le chiediamo un Suo intervento presso l’Amministrazione Comunale di Baia e Latina al fine di poter avere la dignità che le persone anziane meritano.

IL TAR DA’ NUOVAMENTE RAGIONE A CONFESERCENTI NAPOLI, IL NUOVO CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO RESTA SOSPESO.

Vincenzo Schiavo
La Confesercenti di Napoli ha ottenuto un nuovo provvedimento positivo dal TAR. E’ stato infatti respinto dal Tribunale amministrativo il ricorso incidentale presentato da AICAST e ASSPIM volto ad annullare la sospensione del rinnovo del consiglio della Camera di Commercio di Napoli, decisa dallo stesso TAR a fine maggio a seguito dei vari reclami presentati anche da Confesercenti di Napoli. In sostanza il Tribunale ha dato nuovamente ragione a Confesercenti (seguita legalmente dall’avvocato Giuseppe de Stefano), che ha dovuto difendersi da una sorta di “contrattacco” posto da Aicast e Asspim. Il TAR ha rinviato invece al prossimo 11 ottobre la discussione di merito circa la composizione del nuovo consiglio solo. Vincenzo Schiavo,presidente di Confesercenti Interprovinciale (Napoli, Avellino e Benevento) e Interregionale (Campania e Molise) commenta così il provvedimento: «Giustizia deve essere fatta per la Camera di Commercio sempre e comunque nell’interesse della imprese che operano sul nostro territorio. Ci siamo rivolti al TAR per fare chiarezza e per contestare la composizione del nuovo consiglio nella quale non eravamo adeguatamente rappresentati. E con questo nuovo provvedimento abbiamo neutralizzato il contrattacco di Aicast e Asspim. Per noi è fondamentale tutelare le nostre imprese, la Camera di Commercio attualmente non ha agito nel modo giusto, interpretando a nostro avviso in modo sbagliato le regole. Nel nuovo consiglio, ora bloccato, non esisteva proprio quel corpo intermedio tra Stato e imprese che supporta e protegge veramente le nostre aziende. Se non fosse stato sospeso  - conclude Vincenzo Schiavo - avremmo avuto il primo esempio in Italia di un consiglio senza la presenza delle associazioni che effettivamente si occupano di tutelare gli interessi delle nostre imprese».
Pietro Rossi

19 giugno 2017

Artistici tappeti liturgici hanno accolto il passaggio dell’Ostia Santa a Caiazzo

Caiazzo. Domenica 18 giugno 2017,  in occasione della solennità del Corpus Domini, artistici tappeti liturgici hanno ricoperto il tradizionale percorso della processione. Infatti, le parrocchie Maria S.S. Assunta-Santo Stefano Vescovo e S. Nicola de Figulis, in collaborazione con l’associazione Pro loco “Nino Marcuccio”, il Comune di Caiazzo, l’Istituto comprensivo A.A. Caiatino,  il Centro Madre Claudia , l’associazione Arda e la cittadinanza tutta,  hanno organizzato la consueta infiorata del Corpus Domini, allestendo le strade del centro storico con tappeti liturgici, realizzati con fiori, foglie, spighe di grano, farina, fondi di caffè, sale colorato e soprattutto segatura colorata con tempere ad acqua rigorosamente biodegradabili. L’associazione Pro loco, si è occupata, anche quest’anno, di allestire le zone che negli scorsi anni restavano senza fiori. Accanto alla tecnica, positivamente sperimentata negli ultimi anni è stata utilizzata con successo la tecnica dello stencil, che ha permesso di rappresentare celermente simboli e scene della vita di Cristo. A coordinare i lavori è stata la referente della Pro Loco, Ivania Marcuccio, coadiuvata dalle ragazze del servizio civile Ida Sorbo, Ernesta Iagrossi, Fabiola Santoro, Noemi Marotta e dall’instancabile Stefano De Sorbo. L’utilizzo massiccio di segatura colorata ha interessato soprattutto le zone ventilate ed impervie. Quest’innovazione (la colorazione della segatura e la tecnica dello stencil) ha rappresentato per i ragazzi un momento di crescita ludico-ricreativa, e li ha invogliati a collaborare per mantenere viva una tradizione ben radicata sul nostro territorio.  Preziosa, anche per questa edizione, è stata la fattiva collaborazione dei ragazzi frequentanti l’Istituto Comprensivo A.A. Caiatino, e dei loro genitori, in particolare delle mamme. A loro va un sentito ringraziamento da parte di Ivania Marcuccio, non solo per il Corpus Domini, ma per tutte le iniziative volte a conservare e tramandare le tradizioni locali. Un particolare ringraziamento agli sponsor, al Centro Madre Claudia che ha messo a disposizione i suoi locali per la colorazione della segatura, al signor Antonio Cognetti che l’ ha fornita la segatura, al signor Fausto Zaccaro che l’ha trasportata e al signor Luigi Insero che ha messo a disposizione la bidoniera per colorarla. La collaborazione tra i cittadini ha dimostrato ancora una volta che insieme si riesce ad esaltare la bellezza e la cultura della nostra città. L’obiettivo dell’associazione Pro Loco Caiazzo, pertanto, è stato raggiunto: malgrado le difficoltà si lavora per trasmettere gli usi e i costumi del paese. Prossima edizione il 03 giugno 2018, per rivivere quest’esperienza, tra tradizione ed attualità, realizzando composizioni che durano pochissimo, ma capaci di suscitare forti emozioni tra i credenti e i visitatori. Per guardare le foto dell’infiorata www.facebook.com/prolococaiazzo/

c.s.

IL 24 GIUGNO PROSSIMO, FRA’ GAETANO AMORUSO SARA’ ORDINATO DICONO PERMANENTE, IN SANTA MARIA OCCORREVOLE.

Fra’ Gaetano Paolo Amoruso
PIEDIMONTE MATESE-Un momento di grande e consapevole ricerca del divino che, fin dalla più tenera età, avvolgeva il cuore e lo spirito di Fra’ Gaetano Paolo Amoruso, che, il 24 giugno prossimo, nella Chiesa afferente al convento francescano di Piedimonte Matese, intitolata a Santa Maria Occorrevole, in Piedimonte Matese, abbraccerà, con maggiore vigore e forza di determinazione, la Croce di Cristo Gesù, venendo ordinato Diacono permanente, nel corso di una solenne concelebrazione liturgica(l’inizio è previsto per le ore 17.00), presieduta, come da preciso desiderio dello stesso Fra’ Amoruso, dal Vescovo della Diocesi di Alife-Caiazzo-Monsignor Valentino Di Cerbo. Il “fiat” di Fra’ Gaetano , in forza alla Provincia francescana dei Martiri VII Santi di Calabria, è maturato nel suo cuore sin da piccolo per rafforzarsi, poi, grazie anche all’aiuto e al sostegno di eccelse guide spirituali, sia del mondo francescano, ch della Diocesi alifana. Il percorso vocazionale dell’aspirante diacono, maturato anche attraverso il clima, raccolto e sobrio, che si vive nella fraternità di Monte Muto, tra l’altro sede per la formazione dei novizi dell’Italia Meridionale. L’attesa cerimonia religiosa testimonia, una volta di più del profondo legame spirituale tra l’intera chiesa alifano-caiatina e la comunità francescana del popoloso e storicamente importante centro dell’Alto Casertano. Ovviamente, molto contento, della sua scelta, del protagonista del toccante e coinvolgente momento spirituale del 24 giugno prossimo. So che, davanti alla grandezza di Dio, io non sono e non sarò mai nessuno, ha detto, più volte, Fra’ Gaetano Amoruso, a tutti suoi amici e a chiunque lo ha sostenuto nel difficile cammino di discernimento spirituale. A lui e solo a lui, però voglio dedicare tutta la mai vita ed ogni mia azione.” Appuntamento al 24 giugno prossimo, dunque, per un evento spirituale che, preludio sicuro al passo ulteriore, che sicuramente porterà il giovane Fra’ Amoruso all’acquisizione del ministero sacerdotale, si preannuncia molto emozionante e degno delle attese di un popolo religioso, quello pedemontano, appunto, che, grazie anche al rinnovato spirito che, da qualche tempo a questa parte, si respira in Diocesi, dimostra, in maniera sempre più tangibile e concreta di aver fatto la scelta di campo, predicata da Gesù Cristo nella sua Buona Novella, cioè che “è meglio stare dalla parte di Dio che da quella di Mammona.”
Daniele Palazzo

CARLO GRILLO RINGRAZIA I CITTADINI PIEDIMONTESI E CONFERMA LA BONTÀ DEL PROGETTO ELETTORALE DI “SIAMO PIEDIMONTE” IN UNA LETTERA APERTA.

“All'esito del responso elettorale, la lista SìAmo Piedimonte - Carlo Grillo Sindaco per la Città, a nome del candidato Sindaco e di tutti i candidati Consiglieri, sente il dovere di ringraziare con una lettera di affetto, che esprima il sincero significato di un caloroso abbraccio, i tanti Cittadini che ci hanno sostenuto, condividendo con noi un duro ma irripetibile percorso, tra la gente e per la gente. Il consenso ricevuto rappresenta per tutti i candidati, a partire da coloro che non sono stati eletti alla carica di consigliere di questa prestigiosa Città, una gratificazione infinita che ripaga di tutti i sacrifici, di una lunga quanto estenuante campagna elettorale. Ma il consenso ricevuto ci impone, per rispetto e per coerenza delle idee e dei progetti che abbiamo tenacemente comunicato e consegnato alla nostra Città, di guardare avanti verso un unico ed esclusivo interesse: IL BENE DI PIEDIMONTE MATESE”. Si apre così la lettera del candidato sindaco della lista “SiAmo Piedimonte2, Carlo Grillo. “Ed è questa la promessa, l'unica promessa, che siamo interessati a riproporre anche oggi, rispetto alla quale non ci si tirerà mai indietro: disposti a tutto, pur di prestarle fede. Sentiamo la irriducibile necessità di dare forza e sostanza al denominatore comune posto a base della lista, sin dalla nascita: l'Amore per Piedimonte Matese. Quell'amore che abbiamo voluto condensare in un afflato incancellabile: Sì Amo Piedimonte. È solo e nell'esclusivo interesse della nostra Città che abbiamo messo in secondo piano i nostri interessi privati, i nostri affetti personali, i nostri problemi quotidiani, affinchè potessimo dare espressione al principio per il quale la scelta di un impegno politico doveva avere – e deve avere – un unico obiettivo: IL BENE COMUNE”, continua la nota. “Per questo motivo, ogni candidato, eletto e non eletto, si impegna sin da ora a rimanere vincolato alla promessa data, continuando per il futuro, ad avanzare le nostre proposte, a sostenere le nostre idee, ad incalzare chi amministra, anche con vigore e rigore, in maniera costruttiva e mai distruttiva, consapevoli che la nostra opera sarà sempre diretta a favore della nostra e della Vostra Città. Ed è per questo che sentiamo la necessità di chiudere questo saluto, con un ringraziamento, rivolto non solo a chi ci ha votato ma anche a chi non lo ha voluto o potuto fare, perché è verso questi ultimi che sentiamo - ancor di più - il dovere di far conoscere meglio, con la sola forza dell'impegno, del coraggio e della nostra dignità, il peso e la valenza della nostre idee, e poter gridare vincenti “Sì Amo Piedimonte”. Con immenso affetto”, conclude Grillo nel rivolgersi ai piedimontesi tutti.
c.s.

17 giugno 2017

SEQUESTRATE CIRCA 10 TONNELLATE DI SIGARETTE DI CONTRABBANDO E ARRESTATO UN CITTADINO MOLDAVO.

Nell’ambito della costante attività di controllo del territorio volta alla repressione dei traffici illeciti, la “Sezione Mobile” del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta ha intercettato e pedinato lungo l’asse autostradale A1 un autoarticolato coibentato, con targa romena, che è stato poi fermato all’interno dell’area di servizio di Teano-Ovest (CE). All’atto del controllo, l’autista - un cittadino moldavo di 37 anni - ha esibito la documentazione attestante il trasporto di un carico di scarpe da donna. Quindi, i militari operanti - insospettiti dalla circostanza che tale carico fosse stipato in un rimorchio frigorifero - hanno deciso di procedere all’ispezione di quest’ultimo a seguito della quale hanno individuato, abilmente occultate dietro 2 bancali contenenti effettivamente scatole di scarpe, altre 26 pedane su cui erano state posizionate ben 940 casse da 50 stecche cadauna di sigarette di contrabbando per un peso complessivo di circa 10 tonnellate. L’operazione di conteggio del carico illecito ha permesso poi di appurare che il tabacco, destinato al mercato napoletano e privo del contrassegno di Stato, riportava i noti marchi di sigarette “Regina”, “Winston” e “LM”. All’esito delle operazioni, la merce di contrabbando e l’autoarticolato utilizzato per il trasporto, per un valore di circa 2,5 milioni di euro, sono stati sottoposti a sequestro, mentre l’autista è stato tratto in arresto e - su disposizione della competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - è stato tradotto in carcere presso la locale Casa Circondariale. Quello odierno rappresenta, per quantità, uno dei più rilevanti sequestri mai operati sul territorio casertano. Sono in corso indagini per risalire alla provenienza del carico e per individuare gli altri responsabili del traffico illecito, che risulta essere, nell’ultimo periodo, in sensibile ripresa, sia sotto il profilo delle quantità importate che della connessa vendita al minuto.
___________________________________________________________________ 
GUARDIA DI FINANZA - COMANDO PROVINCIALE CASERTA 

CPR NELLA CASERMA ANDOLFATO DI SANTA MARIA C.V., "NESSUNA DECISIONE ANCORA ASSUNTA DAL MINISTERO"

On. Camilla Sgambato
S.MARIA C.V. - "L'individuazione della caserma Andolfato quale centro permanente per il rimpatrio non trova al momento conferma in decisioni definitive, decisioni che, in ogni caso, verranno assunte d'intesa con la regione Campania".  A riferirlo stamani nell'aula della Camera, è stato il Sottosegretario all'Interno Domenico Manzione in risposta alla interpellanza urgente presentata nei giorni scorsi dall'On. Camilla Sgambato (Pd), quale prima firmataria, e da altri deputati sulla notizia della allocazione di un Cpr nella sede militare posta tra Santa Maria CV e Capua.  "Presso il Gabinetto del Ministro dell'Interno, è stato convocato, subito dopo il varo del provvedimento di urgenza, un tavolo tecnico al fine di individuare, d'intesa con le regioni, strutture da destinare, nella massima condivisione istituzionale, a centri permanenti per il rimpatrio sul territorio nazionale, in linea con il dettato normativo appena richiamato. Il predetto tavolo non ha concluso la ricognizione delle possibili strutture da attivare.  Va anche considerato che, ai fini dell'ampliamento della rete dei posti disponibili, è opportuno individuare strutture demaniali e, in tal senso, l'eventuale destinazione della caserma Andolfato a centro permanente per i rimpatri è una delle ipotesi allo studio", ha concluso Manzione. Soddisfatta della risposta l'On. Sgambato che ha illustrato nell'emiciclo di Montecitorio i motivi ostativi alla nascita di un centro permanente per i rimpatri nella caserma sammaritana.  "Grazie alla nostra interpellanza, è stata fatta chiarezza su una questione che sta suscitando molta preoccupazione tra gli abitanti di Santa Maria CV e di Capua.  Il Governo ha spiegato che nulla ancora di certo è stato deciso e che, comunque, ci sarà bisogno di una intesa con la Regione Campania che dovrà fornire un parere sulla individuazione del sito, che ho chiesto sia negativo al presidente Vincenzo De Luca.  Continueremo a seguire l'evolversi della situazione e a vigilare perché la Caserma Andolfato non venga destinata ad un utilizzo che non le è proprio perché inserita nel centro abitato. Mi preme ringraziare, infine, i colleghi deputati che hanno sottoscritto la mia interpellanza urgente ed anche i parlamentari europeoi e nazionali, ed i consiglieri regioinali che hanno firmato la mia lettera al Governatore De Luca, in primis la collega Anna Maria Carloni che portò avanti la battaglia per far chiudere nel 2001 il Cie che c’era nella caserma Andolfato e che non rispettava i diritti umani né degli immigrati né dei detenuti militari che ancora si trovavano nella struttura", dichiara Sgambato. 

TUTTO PRONTO A GIOIA SANNITICA PER LA QUINTA EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE CICLISTICA “MATESANNIO”

GIOIA SANNITICA - Promossa a gara nazionale la Maratona del Matesannio in programma domenica prossima 18 giugno all’interno del Parco regionale del Matese, con partenza ed arrivo a Gioia Sannitica.. La manifestazione ciclistica, giunta alla sua quinta edizione ed organizzata dal team capitanato dal presidente Claudio Melillo, da quest’anno è assurta a gara nazionale ed è stata inserita nel campionato nazionale della Federazione Ciclistica Italiana (FCI). La Maratona del Matessanio ha fatto parte finora del campionato regionale della FCI ma, a seguito del notevole e progressivo incremento degli iscritti, ha destato l’interessamento del Comitato Tecnico Nazionale che, in seno alla FCI, ne ha proposto il passaggio a tappa del circuito italiano.  “Tale meritata promozione rappresenta motivo di orgoglio sia per lo staff organizzativo che per l’intero territorio campano atteso che, per la prima volta, il Matese ed il Sannio ospitano una manifestazione ciclistica di livello nazionale”, dichiara il presidente Melillo.  La Matessannio, inoltre, è gara ufficiale del Circuito Scudetto Campano 2017 nonché prova master del Campionato Regionale FCI.  “L’edizione della Maratona 2017 rimarrà nella storia delle nostre comunità ed oggi, con grande soddisfazione, possiamo dire di aver incastonato un tassello importante nel mosaico dello sport del Matese e del Sannio. Gare di ciclismo, pure importanti, si erano già affacciate negli scorsi anni nei nostri territori, però mai una  gara di rilievo  nazionale aveva percorso le nostre strade. E’ unicamente grazie alla caparbietà di un piccolo gruppo di amanti delle due ruote che in soli quattro anni abbiamo incanalato la Maratona del Matesannio nel panorama nazionale delle Granfondo e Mediofondo della FCI.  Considerata l’importanza dell’evento di domenica prossima, ci auguriamo una collaborazione ed una partecipazione ancora maggiore di istituzioni e cittadini”, conclude Melillo.

Pietro Rossi

Lettera di Lavornia alle autorità competenti sulla preannunciata chiusura delle sede dell’Amministrazione Provinciale di Caserta

Silvio Lavornia
Con riferimento all’oggetto il sottoscritto Presidente f.f. della Provincia di Caserta, d’intesa con l’Ufficio del Datore di Lavoro dell’Ente, evidenzia alle SS.VV., per opportuna e doverosa conoscenza, che nel pomeriggio di ieri, 13.06.2017, si è svolto in Roma un incontro istituzionale, con la partecipazione di rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Interno, del Prefetto di Caserta, dello scrivente, nella richiamata qualità, di Consiglieri provinciali, del Direttore Generale dell’Ente  e dell’On. Camilla Sgambato, finalizzato alla condivisa individuazione di una soluzione tecnica che consenta, a questa Amministrazione, l’utilizzazione effettiva delle somme nella sua disponibilità, così come pure di quelle che costituiranno, eventualmente, oggetto di assegnazione pro futuro, pur in assenza di uno strumento contabile. L’incontro sopra richiamato è risultato estremamente fruttuoso e caratterizzato da una reale comprensione, da parte delle autorità governative, delle drammatiche condizioni finanziarie in cui versa la Provincia di Caserta e della conseguente necessità di individuare soluzioni che consentano all’Ente di garantire alla collettività di Terra di Lavoro l’erogazione di servizi e funzioni che si ricollegano a diritti costituzionali dei cittadini, fermo restando il limite delle risorse in concreto disponibili. In spirito di leale collaborazione istituzionale si è addivenuti alla congiunta definizione di un percorso procedurale che potrà, nell’arco di breve tempo, permettere alla Provincia di Caserta di sostenere le spese obbligatorie per legge e quelle indifferibili (ivi comprese quelle relative all’espletamento del servizio di pulizia degli Uffici). Atteso il mutamento del contesto operativo di riferimento, con conseguente prefigurazione del recupero di un minimo di agibilità finanziaria dell’Amministrazione, allo scopo di consentire il perfezionamento dell’occorrente iter procedurale, si comunica alle SS.VV. che la chiusura delle sedi della Provincia di Caserta, preannunciata dall’ing. Gennaro Spasiano, con nota a propria firma prot. n. 28387 del 31.05.2017 (nota, ad ogni buon fine, allegata in copia alla presente), con decorrenza dal 12.06.2017 è da intendersi differita, fatte salve ulteriori comunicazioni, alla data del 30.06.2017.Nelle more di quel che precede lo scrivente, nel prendere atto e nel condividere le iniziative già assunte dall’Ufficio del Datore di Lavoro, invita i competenti organi dell’Amministrazione ad assumere, con immediatezza, tutti i provvedimenti finalizzati a garantire l’esonero dal servizio dei dipendenti affetti da patologie, debitamente certificate, che risultino assolutamente incompatibili con le attuali condizioni igienico-sanitarie degli edifici ove risultano allocate le sedi dell’Ente.
  Il Presidente della Provincia f.f. 
       dott. Silvio Lavornia

Erasmus + in Italia grazie all’Istituto Comprensivo di Alvignano.

Alvignano - Presso l’Istituto Comprensivo di Alvignano si è svolto, l’incontro transnazionale relativo al Progetto Erasmus “Schools are more fun with fine arts” presso l’Istituto Comprensivo di Alvignano. Nel corso di una suggestiva festa di accoglienza, e alla presenza di autorità regionali e locali, è stato dato il benvenuto alla folta delegazione dei docenti stranieri provenienti da Turchia, Bulgaria, Lituania e Portogallo. Nel corso dell’intensa settimana dedicata ai workshops sulle attività da svolgere nei prossimi incontri, non è mancato il tempo per effettuare visite sul territorio, allo scopo di condividere con tutti loro le bellezze artistiche e paesaggistiche della nostra zona. E così i professori hanno potuto ammirare i bellissimi centri storici, con relativi monumenti, di Alife e Caiazzo, oltre alle canoniche visite alla Reggia di Caserta e ai luoghi più caratteristici e pittoreschi di Napoli. Grande soddisfazione da parte loro e anche da parte del team di lavoro dell’I.C. di Alvignano, con a capo il Dirigente Scolastico Angelina Lanna, che continuerà in questa avventura europea anche nel corso del prossimo anno scolastico.
Pietro Rossi

SABATO 24 GIUGNO TORNA IL RALLY PROVINCIA DI CASERTA

CELLOLE- Tanti ne hanno chiesto a gran voce il ritorno e nell'ultimo fine settimana di giugno il Rally Provincia di Caserta – Cellole-Rocca d'Evandro-Roccamonfine-Sessa Aurunca torna ad animare le strade di Terra di Lavoro con la sua ottava edizione! Due le novità: la nuova prova speciale a Rocca d'Evandro e l'abbandono della prova spettacolo del sabato sera nel toboga di Baia Domizia in favore di un più impegnativo e spettacolare passaggio in notturna della P.S. di Cellole! La partenza sarà il sabato pomeriggio da Piazza Mercato a Sessa Aurunca, da lì le vetture si porteranno sui 7,45 km della Prova Speciale di Roccamonfina, che ripeteranno due volte di seguito, per poi andare ad affrontare in notturna, come già detto, alle 21.43 la P.S. di Cellole.I fari delle vetture taglieranno la notte, come tradizione dei rally più veri, e lo spettacolo lungo i 5,90 km della tradizionale e selettiva prova che parte dall'abitato di Cellole è già assicurato! Poi tutti a nanna, per ricominciare la mattina di domenica 25 giugno con le due ripetizioni da 9,10 km ciascuna della prova di Sessa Aurunca, le tre della novità del percorso, la P.S. di Rocca d'Evandro (7,70 km), e, a chiudere,  gli ultimi due passaggi di Cellole, subito prima dell'arrivo che come tradizione vuole, sarà in Piazza Raffaello al centro della cittadina Domizia. Lì i superstiti di questo rally, unanimemente riconosciuto come uno dei più belli e selettivi di tutto il Centro-Sud, troveranno il palco arrivo ad attenderli per l'agognata passerella finale. Sono oltre 53,00 i km di Prove Speciali da percorrere sui 301,85 km totali di percorso, decisamente un bell'andare! Il rinnovato sito www.rallycittadicellole.it offre già da ora la cartina del percorso e la tabella tempi e distanze del rally, ovvero tutto quanto serve per assistere e partecipare alla manifestazione.


Pietro Rossi

12 giugno 2017

LUIGI DI LORENZO E' IL NUOVO SINDACO DI PIEDIMONTE MATESE.