28 novembre 2015

Indire assegna 220 mila euro per realizzare progetti sulla cultura della sicurezza

Un finanziamento di 220 mila euro destinato a 8 scuole di Napoli per promuovere la cultura della prevenzione. Sono due i progetti selezionati dall’Indire (Istituto Nazionale di Documentazione e Ricerca Innovativa) nell’ambito di Memory Safe, il bando finanziato dal Ministero del Lavoro e gestito in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione.Ciascuna iniziativa è condotta da una rete di scuole e un soggetto con esperienza pluriennale in tema di sicurezza. Tra i progetti premiati,“Tutti in rete!” ha ricevuto quasi 100 mila euro, che verranno ripartiti tra 4 istituti napoletani, di cui l’I.I.S. “Europa” è capofila. L’altra iniziativa finanziata con 100 mila euro è “Officina Sicurezza”, che ha coinvolto tre scuole della provincia di Napoli e ha come capofila l’IPIA “M. Niglio” di Frattamaggiore. Inoltre, nell’ambito di Memory Safe sono stati assegnati 23 mila euro all’I.S.I.S. “Rosmini” di Napoli che ha partecipato al bando con il progetto “OPLA-Osservatorio Politiche per il LAvoro” all’interno di una rete regionale costituita da scuole salernitane. «Con il bando Memory Safe – dichiara il Direttore Generale dell’Indire, Flaminio Galli – abbiamo voluto diffondere nelle scuole la cultura della salute e della prevenzione. Un modo per formare i giovani, futuri lavoratori, sui temi della sicurezza e della consapevolezza del rischio, unendo gli aspetti normativi con quelli creativi dell’educazione. Per far questo, abbiamo chiesto alle scuole di proporre progetti legati alla salute e alla sicurezza sul lavoro, in modo chiaro e innovativo e in maniera coerente tra strumenti proposti, attività scolastiche e territorio». A livello nazionale, il bando Memory Safe ha selezionato 41 progetti su 203 candidature, con 1342 soggetti (scuole e partner) e 16 regioni coinvolte. Due gli ambiti finanziati: la creazione e l’utilizzo di strumenti didattici innovativi sul tema della sicurezza, e la progettazione e realizzazione di strumenti di formazione che permettono il dialogo tra scuola e mondo del lavoro. Tra i criteri di valutazione delle proposte, la replicabilità e la trasferibilità dei progetti in altri istituti scolastici.


Ufficio Stampa Indire

L’ULTIMO BRANO DI ANDREA DE BALSI NELLA COMPILATION DEI CANTAUTORI EMERGENTI.

Andrea De Balsi 
SANT’ANGELO D’ALIFE  - Il cantautore Andrea De Balsi aggiunge un nuovo e importante tassello alla sua carriera artistica. Da pochi giorni, è uscita la compilation “Non esiste solo De Gregori vol.1”, una raccolta di brani di cantautori emergenti nel panorama italiano, scelti dall’etichetta Vrec e dall’agenzia Davvero Comunicazione e nella quale De Balsi partecipa con “E senza far rumore”, tratto dal suo ultimo disco Famme sape’. All’interno della compilation sono presenti 25 cantautori, provenienti da tutta Italia, con un loro brano rigorosamente in lingua italiana, tra pop, folk, rock, sonorità minimali e acustiche; il tutto per far riscoprire la figura del vero cantautore italiano e farne conoscere di nuovi e talentuosi, da ciò il titolo “Non esiste solo De Gregori”. La compilation è presente in tutti gli Store Digitali e può essere ascoltata in streaming su Deezer e Spotify. Andrea De Balsi attualmente è tra i 10 finalisti nella decima edizione del concorso Botticino Music Festival 2015 (Brescia) e si esibirà, per la finale, il 12 dicembre 2015 sul palco del Teatro Centro Lucia di Botticino, di fronte ad una giuria specializzata, presieduta da Omar Pedrini e composta da alcuni tra i più apprezzati musicisti ed esperti del settore. Ospite d’onore, nella finale del concorso, sarà Gaetano Curreri degli Stadio, che si esibirà in un mini concerto.


Pietro Rossi

Un evento dedicato alle riflessioni sull’Enciclica di Papa Francesco all’IPIA di Alife.

ALIFE - Bellissima l’esperienza vissuta dagli studenti dell’ IPIA di Alife, protagonisti di un evento dedicato alle riflessioni sull’Enciclica di Papa Francesco, nel nuovo millennio, patrocinato dall’Ente Parco regionale del Matese guidato dal Presidente Dott. Umberto De Nicola. Ecologia, tutela e difesa della natura, della salute, intesi come beni comuni, espressi in un linguaggio multimediale hanno interessato la folta platea, composta dalle classi del triennio dell’Istituto professionale di Alife; da due classi dell’Istituto tecnico commerciale “De Franchis”, dagli studenti delle terze classi delle Scuole medie “Vitale” e “Ventriglia” di Piedimonte Matese, accompagnati dai loro docenti. Video, musica, slides, ricerche, testimonianze hanno fatto parte del nutrito programma, anche con interventi specifici, da parte di Carlo de Angelis agronomo, Franco Panella vicepresidente del CAI, Sofia Spinelli funzionario presso il Parco Regionale del Matese, mirati a sensibilizzare i giovani ad amare la propria terra di origine: il Matese. Un ringraziamento particolare è stato rivolto alla  Dirigente, Prof.ssa Isabella Balducci, che ha accolto con slancio l’iniziativa, mettendo a disposizione l’intero istituto; al corpo docente, in particolare alle Prof.sse Luigia Anziano e Angelina Palmiero, per la loro proficua ed indispensabile collaborazione; ai Dirigenti Prof. Riccardo Russomando e Prof. Vincenzo Italiano, rispettivamente della Sc. Medie “Vitale” e “Ventriglia”, per aver permesso ai ragazzi di partecipare; ai docenti Cirioli (vicepreside della “Ventriglia”), Mizzoni, Laurenza, Imperadore e Delle Femmine per averli accompagnati. Ma una nota di merito è andata ai giovani, che hanno animato la mattinata, perché sono stati loro i veri protagonisti, dimostrando che anche tematiche importanti, come lo studio di un’enciclica, possono essere comprese, proponendole con metodologie innovative.  

Pietro Rossi

CONFERENZA PRESIDENTE TRIBUNALE TORRE ANNUNZIATA DR. OSCAR BOBBIO SUL TEMA: COMUNICARE LA CULTURA DELLA LEGALITA’

PIEDIMONTE MATESE – Grande aspettativa  negli ambienti rotariani della Media Valle del Volturno per la conviviale di domani sera (giovedì  26 novembre). Infatti, proveniente da Torre Annunziata giungerà negli splendidi locali  del ristorante “ La  Turrita “  di Dragoni, sede  abituale del Rotary Club Alto Casertano Piedimonte Matese, il presidente del  Tribunale dr. Oscar Bobbio.  Ad attendere l’ ospite il presidente del Rotary Club  dr. Raffaele Di Robbio con l’intero consiglio direttivo, le gentili signore e  i numerosi soci. Nel corso dell’incontro il Presidente del Tribunale di Torre Annunziata, dr. Oscar Bobbio,  tratterà il tema: comunicare la cultura della legalità. Nel porgere il saluto all’illustre ospite il presidente del club  parlerà anche delle attività messe in cantiere dal club, sia quelle pregresse come la gita religiosa a Subiaco, che quelle in itinere. Nel prossimo mese di dicembre  e fine novembre vi saranno grandi appuntamenti con tutti i soci a cominciare dalla gita culturale di domenica 28 novembre a Napoli, organizzata dal tesoriere Pasqualino Terracciano; a seguire  le elezioni del presidente incoming 2017-2018 e  quelle del direttivo 2016/17 ( presidenza Palmieri) che si terranno  giovedì 3 dicembre nella sede dell’Associazione Storica del Medio dalle ore 20 alle 21 ;   grande importanza, infine, assume la giornata della prevenzione dedicata   all’Ictus Ischemico. Infatti Il Rotary Club  Alto Casertano, in collaborazione con la Casa di Cura Villa dei Pini organizza per sabato 5 dicembre una giornata di Prevenzione dell’Ictus Ischemico. Il programma, che prevede un colloquio medico e un esame  Ecocolordioppler  (ECD) dei tronchi sovraaortici  (TSA)  si svolgerà dalle ore  9.00 alle ore 12,30 presso la Casa di Cura, in via Matese 42 in Piedimonte Matese. E’ riservato in particolare ai pazienti over 65 e/o affetti da diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, obesità e fumo. Gli esami sono gratuiti e saranno effettuati dal dott. Pasquale Simonelli e dal dottor Alfonso Marra. L’invito è rivolto a tutti i cittadini interessati  alla prevenzione. Nella foto sotto  il gruppo dei rotariani alla gita religiosa a Subiaco

Nicola Iannitti
ADDETTO STAMPA ROTARY CLUB

25 novembre 2015

Convocato il Consiglio Generale UNCEM Campania a Piedimonte Matese



PIEDIMONTE MATESE  - Nell’ambito delle iniziative promosse dall’ufficio di presidenza della delegazione regionale campana dell’Unione Nazionale dei Comuni ed Enti Montani, è stato promosso un Consiglio Generale straordinario dell’UNCEM al fine di approfondire e, per quanto possibile, dare ogni utile suggerimento in merito alla “Riforma ed il rilancio funzionale degli Enti Montani” anche al fine di comprendere l’effettivo futuro dei nostri Enti in relazione alle vere esigenze della “montagna” ed al posto che essa occupa nell’ambito della programmazione regionale. A tale scopo  giovedì 26 novembre con inizio alle ore 10:30, presso l’Istituto Professionale Alberghiero di Piedimonte Matese (CE), è stato convocato il Consiglio Generale per un qualificato intervento sul tema proposto. All’incontro sono stati opportunamente invitati i membri del governo regionale. Con la circostanza, quale momento culminante  della manifestazione programmata, il nostro amato e sempre sorprendente Donato Cufari, già Presidente UNCEM Campania da data immemorabile, sarà insignito del titolo di “Presidente Emerito”.

Pietro Rossi

Convegno sui nuovi percorsi per l’occupazione giovanile a Mondragone



MONDRAGONE  - Loa Voucher, Garanzia Giovani Campania e “Campania al Lavoro!”, “Ricollocami”, Bonus Occupazionale: sono questi i nuovi percorsi per l’occupazione giovanile che verranno illustrati venerdì 27 novembre a Mondragone, con inizio alle ore 17,30 presso il Cinema Ariston di Corso Umberto I.  Il convegno è promosso dal consigliere regionale On. Giovanni Zannini, Presidente del gruppo Centro Democratico - Scelta Civica in seno al Consiglio Regionale della Campania, ed avrà come titolo “Garanzia Giovani” e non solo, nell’ottica di rappresentare un valido focus sulle politiche per il lavoro attuate dalla Regione Campania e sulle opportunità per i giovani in termini di formazione, apprendistato, microcredito e nuova occupazione. Interverranno l’On. Zannini che introdurrà il tema dell’incontro; l’On. Vincenzo Alaia, vice presidente della Commissione Sanità; l’Avv. Ottavio Pannone, già docente di diritto del Lavoro presso la Seconda Università degli Studi di Napoli e l’Università di Torvergata di Roma; la Dott.ssa Angela Casale, vicepresidente dei giovani di Confindustria Caserta; il Dott. Pietro Raucci, presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Terra di Lavoro; il dott. Enrico Maria Borrelli, presidente di Amesci e del Forum Nazionale Servizio Civile; il dott. Antonio Tosto, presidente del Forum dei Giovani della Regione Campania, la dott.ssa Laura Mele, responsabile di Garanzia Giovani per il centro sud di GI Group.  Le conclusioni saranno affidate all’Assessore al Lavoro della Regione Campania, dott.ssa Sonia Palmeri, particolarmente attiva in questi primi mesi di amministrazione regionale presieduta dal Governatore Vincenzo De Luca, nella riattivazione delle diverse misure che mirano alla facilitazione dell’ingresso dei ragazzi e delle ragazze residenti sul territorio campano nei tanti circuiti lavorativi sia professionali che artigianali, produttivi e imprenditoriali.  Tra di esse, la riapertura dei termini dei bandi Loa Voucher, con la trasformazione in attività a sportello, e Garanzia Giovani Campania, facendo leva anche sugli strumenti del piano “Campania al Lavoro” già impostati secondo una strategia di incentivi indirizzati prioritariamente all’assunzione dei giovani; il lancio del programma “Ricollocami” che, finanziato con 20 milioni di euro, è teso al reintegro e alla ricollocazione dei lavoratori sospesi o espulsi dai processi produttivi, iscrivendosi al portale www.cliclavoro.lavorocampania.it.; infine, il Bonus occupazionale che prevede consistenti misure di incentivi destinati ai datori di lavoro che assumono giovani (tra i 16 e i 29 anni) registrati al PON “iniziativa occupazione giovani”, con il ricorso ad una delle tipologie contrattuali come il contratto a tempo determinato o somministrazione superiore o uguale a 6 mesi, oppure il contratto a tempo determinato o somministrazione maggiore o uguale a 12 mesi; 3) contratto a tempo indeterminato.
Pietro Rossi  

Nuovo vino DOC in Campania: Il Casavecchia di Pontelatone.



PONTELATONE -  La nostra regione già ricca di vini di pregio ha avuto il riconoscimento del marchio DOC Denominazione d’Origine Controllata per Il vino Casavecchia   prodotto all’interno di un  quadrilatero che comprende i comuni di Castel di Sasso, Formicola, Liberi e Pontelatone, tra il fiume Volturno e il Monte Maggiore, a nord di Caserta. Questo  vino viene prodotto con il vitigno “Casavecchia” per almeno l’85% (il restante 15% uve rosse approvate per  la regione Campania), in due tipologie, “Rosso” e “Riserva”. L’affinamento per la tipologia “Rosso” deve essere di almeno due anni, di cui almeno uno in legno, mentre per il vino “riserva”, tre anni di cui almeno 18 mesi in legno. La zona di origine delle uve idonee a produrre il vino DOC “Casavecchia di Pontelatone” comprende l’intero territorio amministrativo del comune di Liberi e Formicola e parte dei comuni di Pontelatone, Caiazzo, Castel di Sasso, Castel Campagnano, Piana di Monte Verna e Ruviano, tutti in provincia di Caserta.  Fisicamente i confini sono così individuati: Partendo da nord dall’intersezione tra il limite amministrativo del comune di Ruviano e la strada comunale San Domenico in località Composto, si prosegue in direzione Sud, fino al centro abitato di Ruviano. Da qui si prosegue con la ex strada statale 87 e successivamente con la Strada Provinciale Castel Campagnano – Piana di Monte Verna fino all’incrocio con la ex strada Statale 87. Da detto incrocio si prosegue verso Ovest con la Strada Provinciale 264 Piana di Monte Verna – Trifilisco fino in località Barignano, Taverna Nuova, raggiungendo successivamente il confine amministrativo dei comuni di Pontelatone, Formicola, di nuovo Pontelatone, Liberi, chiazzo e  Ruviano terminando con il ricongiungimento con la strada comunale San Domenico in località Composto.  Come stabilito dal disciplinare di produzione, le operazioni di vinificazione, di invecchiamento e di imbottigliamento dei vini a denominazione di  origine controllata “Casavecchia di Pontelatone” possono essere effettuate nell’ambito dell’intera  provincia di Caserta e nel territorio amministrativo del comune di Amorosi in provincia di  Benevento. Conformemente all’art. 8 del Reg. CE n. 607/2009, l’imbottigliamento o il condizionamento deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità o la reputazione o garantire l’origine o assicurare l’efficacia dei controlli. La storia popolare, molto diffusa nelle persone del luogo, vuole che il Casavecchia abbia avuto origine da seme, nei pressi di un antico rudere del quale esistono ancora oggi i muri  perimetrali, sito nei pressi della vecchia masseria denominata “Ciesi”, nel comune di Pontelatone a pochi passi dal braccio entroterra dell’antichissima via latina che dall’antica Capua portava ad  Alife. Secondo il detto popolare fu un certo Scirocco Prisco, nato a Pontelatone nel 1875 e ivi morto nel 1962 (Archivio dell’Interdiocesi di Caiazzo) a rinvenire verso la fine del XIX secolo, nei pressi del citato rudere (di sua proprietà) la prima vite di Casavecchia. Egli stesso iniziò a riprodurla per propaggine e da qui si diffuse nei vicini comuni di Castel di Sasso, Formicola e Liberi. Sembra che la gente del posto iniziò a dire in gergo dialettale “l’uva e chella casa vecchia” da cui derivò il toponimo Casavecchia.

Pietro Rossi


23 novembre 2015

INAUGURATA LA NUOVA SEDE DELLA SEZIONE CAI DI PIEDIMONTE MATESE

PIEDIMONTE MATESE - E' stata una serata ricca di emozioni quella di venerdì 20 novembre. La più grande, forse, quella regalata da don Andrea De Vico, amico e socio della Sezione CAI, oltre che grande alpinista, il quale, dopo aver "ufficialmente" benedetto la sede, ha ricordato a tutti l'importanza del genius loci quale elemento di aggregazione e condivisione. L'allestimento della sede, molto scenografico, è stato possibile soprattutto grazie alla collaborazione di tanti soci ed amici, che l'hanno resa accogliente e funzionale per le attività dei prossimi anni. La presenza del Presidente dell'Ente Parco Regionale del Matese, dei Presidenti di altre sezioni CAI, e di molte associazioni sul territorio alla serata, confermano la buona riuscita dell'operato della sezione, teso alla salvaguardia, alla valorizzazione ed alla frequentazione del meraviglioso territorio matesino. Rilevante anche il sensibile incremento del numero di iscritti, allo stato attuale 210, ed il recente "abbassamento" dell'età media dei soci, con l'arrivo di molti giovani appassionati fruitori della montagna e delle attività del CAI. Nell'ambito della serata, inoltre, sono state consegnate le "Aquile D'argento" ai sei soci che hanno raggiunto quest'anno il venticinquennale dell'iscrizione alla Sezione. Insomma, è stata una grande festa, e la nuova sede, insieme al Rifugio di Monte Orso, nel territorio di Castello del Matese, saranno le fondamenta sulle quali si baseranno le attività del CAI matesino. 
Pietro Rossi

CONTINUA LA PRESSANTE ATTIVITA’ DELL’ASSESSORATO REGIONALE AL LAVORO PER IL DECOLLO DI GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA

Sonia Palmeri
I tirocini che non si svolgono nell'ambito di un percorso formale di istruzione secondaria o universitaria o di un corso di formazione professionale sono definiti come tirocini extracurriculari. Questo tipo di tirocinio è disciplinato in coerenza con le linee guida di cui all'Accordo in sede di Conferenza Stato-Regioni del 24 gennaio 2013, dal Regolamento Regionale n.7/2013. Oggi è stato approvato un altro decreto dirigenziale per l'attivazione di ulteriori 2.438 tirocini per i giovani iscritti a Garanzia Giovani Campania, insieme alla validazione di 1733 annunci da parte delle aziende pubbliche e private. Stamattina alla Camera di Commercio di Napoli, l’Assessore regionale al Lavoro Sonia Palmeri ha preso parte al laboratorio 'Crescere in digitale', per la digitalizzazione delle imprese campane attraverso Garanzia Giovani. Mettiamo insieme le esigenze delle imprese e quelle dei giovani inoccupati, ha precisato l’Assessore Palmeri,  in un progetto che vede coinvolti Ministero del lavoro, Regione Campania, Unioncamere, Google. I numeri: 5.100 neet iscritti al corso online di 50 ore, 367 i giovani che hanno concluso il corso, 276 i giovani che hanno superato il test finale. Sono ben 165 le aziende che hanno manifestato interesse ad ospitare tirocinanti in Regione Campania. Continua la pressante attività del mio assessorato per il decollo di Garanzia Giovani.


Pietro Rossi

22 novembre 2015

A CAPRIATI A VOLTURNO L’ESTATE DI SAN MARTINO RISCOPRE IL SAPORE DELLE CASTAGNE E DEL VIN BRULE’

CAPRIATI AL VOLTURNO - E’ nota la leggenda di San Martino secondo la quale Martino da Tours (poi divenuto San Martino), nel vedere un mendicante seminudo patire il freddo, gli donò metà del mantello che tagliò con la sua spada. Immediatamente, il sole, nonostante il periodo ormai invernale, risplendette nel cielo e riscaldò la terra. Ebbene il fenomeno dell’Estate di San Martino, più o meno puntualmente, nell’emisfero boreale si verifica all’inizio del mese di novembre, mentre in quello australe nel tardo aprile-inizio maggio. Tradizionalmente durante questi giorni, si aprono le botti del vino per i primi assaggi, che vengono abbinati alla degustazione delle prime castagne. Proprio questa tradizione ha voluto rinnovare in Capriati a Volturno la Pro loco Capriatese con l’evento ‘La Castagnata’ che si è tenuto  nel centro storico del Comune matesino. Castagne a volontà e vin brulé al di sopra di tutto e per tutti, ma anche altri prodotti tipici tradizionali quali: frittelle con i fiori di zucca, vino novello, bruschette con il pane di Capriati e panettone tipico locale. Non poteva mancare, per rendere più allegra la serata nel centro storico capriatese, il suono degli organetti di tre giovanissimi cittadini di Letino, (Il Trio Matesino), i quali, in collaborazione con alcune ragazze, si sono esibiti in suoni, balli e canzoni tradizionali del Matese. Una serata straordinaria vissuta nella tradizione e nella spassionata allegria dei numerosi intervenuti giunti anche da paesi limitrofi. Dopo ben nove eventi già tenuti in sette mesi, la Pro loco Capriatese organizzerà la ‘Festa dell’Albero’ per il giorno 20 novembre, con la compartecipazione di Legambiente, del Comune di Capriati a Volturno e dell’Istituto Comprensivo ‘Felice Rossi’; la gita alle luminarie di Salerno e a San Gregorio Armeno per il giorno 29 novembre; ‘I Mercatini di San Nicola’ per il 6 dicembre, oltre un altro evento ancora da programmare in occasione delle Festività natalizie.
Pietro Rossi

Tenutasi con successo nel Matese la Marcia per la Pace per dire NO al terrorismo Presente la Comunità islamica. ISIS non è Islam





Alife - In solidarietà alle vittime dei recenti attacchi terroristici in Francia e a tutte le vittime degli attentati nel mondo si è svolta Venerdi 20 Novembre 2015 la Marcia per la Pace per dire "NO al Terrorismo!" L'evento è stato fatto coincidere con la Giornata nazionale dell'Albero e della ricorrente Giornata mondiale dei Diritti dell'Infanzia e dell'adolescenza. La manifestazione è stata organizzato dall'Istituto Comprensivo di Alife diretto dalla Dott.ssa Anna Maria Pascale, in collaborazione con il Movimento Internazionale per la Pace e la Salvaguardia del Creato III Millennio della provincia, presieduto dalla Testimonial per la Pace Agnese Ginocchio, con il patrocinio del Comune di Alife, della Comunità Montana del Matese, del Parco Regionale del Matese. Presente anche Mimmo Marzaioli, referente del Movimento nazionale antimafia "Agende Rosse Paolo Borsellino" ed i soci del Direttivo del Movimento per la Pace Gino Ponsillo, Rosa Arbolino, Carlo Pastore, Monica Castaldo ed i volontari Pasquale Biondi e Maria Grazia Russo. Ha partecipato alla manifestazione la Comunità islamica sezione matesina, con l'Imam Mostafa Lattaf, intervenuto nel piazzale antistante la scuola dell'infanzia nell'area dedicata all' Albero della Pace, dove, in occasione della Festa dell'Albero, è stato inaugurato e piantato in un vaso posto accanto all'Albero della Pace, un piccolo bonsai di ulivo dedicato alle vittime dell'attentato francese e a tutte le vittime degli attentati nel mondo. Il bonsai di ulivo insieme alla lapide di titolazione dell'Albero della Pace dei 100 anni della grande guerra, dedicato invece a tutti i caduti e alle vittime delle guerre, attentati, stragi, terrorismo, criminalità e mafie di Alife e del mondo, è stato benedetto dal parroco don Cesare Tescione, presente ufficialmente alla manifestazione insieme alle istituzioni dei comuni dell'Alto casertano matesino: L'assessore alla cultura Luigi Zazzarino delegato dal Sindaco di Alife Giuseppe Avecone assente per motivi di salute, la Dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo di Alife Dott.ssa Anna Maria Pascale,  l'Assessore all'Ambiente del Comune di Piedimonte Matese Giuseppe Simonetti, il Sindaco di Raviscanina Anastasio Napoletano, l'Assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura Rossana Carcieri, in rappresentanza del Comune di Marzano Appio, che ha ottenuto il titolo di "Città per la Pace" per avere aderito all'appello per il diritto alla Pace lanciato durante il passaggio della Fiaccola della Pace. L' Assessore Carcieri inoltre è stata nominata anche Socio Onorario del Movimento per la Pace, ed ha portato i saluti del Sindaco di Mignano Monte Lungo, Antonio Verdone assente per impedimenti istituzionali. Mignano Monte Lungo è un altro comune che gode il titolo di "Città per la Pace", avendo aderito all'Appello per il riconoscimento del Diritto alla Pace che fu lanciato sempre durante il passaggio della Fiaccola della Pace.  Mentre il coro degli alunni inneggiava lungo il corteo slogan di Pace, il messaggio lanciato da parte di tutte le Istituzioni presenti è stato unanime. NO alla violenza, No al terrorismo. No alla guerra. Impegniamoci a costruire una società dove prevalga il rispetto, la tolleranza e la fratellanza, valori sui quali si può affermare la Pace. L'Imam ha duramente condannato l'attacco terroristico di Parigi ribadendo queste parole: chi usa violenza e uccide uomini nel nome di Allah bestemmia contro Dio e andrà all'inferno. La nostra religione è per la Pace. L'Isis non è l'Islam. Un grande segnale contro ogni forma di violenza e di terrore è stato lanciato dal Matese. 
Pietro Rossi

Proseguono i lavori alla scuola media Ventriglia, presto i ragazzi potranno ritornare nella sede storica di Palazzo Pitò



PIEDIMONTE MATESE  - Anche la scuola media “Nicola Ventriglia”, nel quartiere Vallata, è tra gli edifici comunali interessati in questi giorni da interventi di messa in sicurezza. Si tratta in questo caso di Palazzo Pitò, la sede storica della scuola in via Scorciarini Coppola, che gli alunni sono stati costretti ad abbandonare nel 2009 a causa di alcuni rischi di natura strutturale. Da allora i ragazzi svolgono le proprie lezioni nella vicina ex Abbazia dei Celestini, ma il ritorno nella sede originaria si fa più vicino, e potrebbe avvenire già con l’inizio del prossimo anno.  Il progetto in atto comprende interventi di miglioramento strutturale e antisismico dell’edificio, aggiudicati alla ditta AFC Costruzioni, predisposti dall’Amministrazione Comunale di Piedimonte col fine di rimettere in sicurezza il palazzo che da sempre ha ospitato al secondo piano le scuole medie. Un piano di ristrutturazione possibile grazie a un finanziamento di 942mila euro stanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2011 (attraverso il Dipartimento di Protezione Civile di Napoli). La “Ventriglia” ha inoltre subito già un primo lotto di interventi, compiuti grazie ad un precedente finanziamento di 250mila euro messo a disposizione per compiere in tempi rapidi i lavori più urgenti alle strutture dell’edificio. Il sindaco Vincenzo Cappello è positivo su di un prossimo ritorno degli alunni nella loro scuola: “Siamo soddisfatti che i lavori stiano procedendo alacremente, ci auguriamo che già a partire dal prossimo anno le porte di Palazzo Pitò potranno riaprirsi per ospitare nuovamente le classi che per troppo a lungo hanno dovuto subire un trasloco forzato, ma la sicurezza dei nostri giovani è una priorità a cui non si può rinunciare”.
Pietro Rossi