24 gennaio 2017

Il consigliere regionale Bosco contatta il sottosegretario Cesaro per il destino del Museo Campano di Capua.


CAPUA  - Ieri sera, a Capua, si è tenuto un incontro dedicato al futuro del Museo Provinciale Campano, a rischio chiusura per gli effetti della Legge Delrio che, di fatto, ha ridimensionato i poteri delle Province e ne ha svuotato le casse. Al vertice hanno partecipato il vicepresidente della commissione alle Attività produttive, Turismo, Commercio e Industria Luigi Bosco, il coordinatore cittadino di ‘Campania libera’ Roberto Barresi, i consiglieri comunali del gruppo Loredana Affinito, Marisa Giacobone, Fabio Buglione e Ludovico Prezioso, l’assessore Andrea Mingione, autorevoli rappresentanti delle società civile e numerosi esponenti delle associazioni in campo per scongiurare la scomparsa del museo capuano, che ospita la meravigliosa collezione di Matres Matutae. «Ho già contattato - ha affermato il consigliere regionale di ‘Campania libera - Psi - Davvero verdi’ Luigi Bosco - il sottosegretario ai Beni culturali Antimo Cesaro, con il quale ho avuto un colloquio chiarificatore sulla vicenda. È pronto un protocollo d’intesa che prevede la preliminare individuazione dell’interlocutore istituzionale del MiBACT, considerando che il bene è di proprietà della Provincia, ma le spese per le utenze e i dipendenti sono a carico della Regione. Inoltre, il sottosegretario, al quale va riconosciuto merito in termini di concretezza della proposta, non ha escluso l’introduzione del Museo Campano nel Polo statale, attraverso processi di valorizzazione del bene stesso. Vista la disponibilità del ministero, adesso lavorerò per organizzare un incontro tra i vertici della Regione Campania e della Provincia di Caserta, affinché si raggiunga una sintesi tra le parti e si arrivi ad una risoluzione della problematica. Ritengo sia utile chiedere un'audizione in commissione Cultura, coinvolgendo anche gli attivisti delle associazioni impegnate quotidianamente per evitare la chiusura del museo. In questa sede saranno chiarite le diverse posizioni delle parte coinvolte. Bisogna intervenire repentinamente per salvare la struttura e, in seguito, operare per la sua tutela e valorizzazione. Non possiamo permetterci di perdere una delle eccellenze della nostra terra». Durante l’incontro introdotto da Roberto Barresi, i consiglieri comunali di ‘Campania libera’ hanno annunciato che chiederanno al sindaco di Capua la convocazione di un’Assise monotematica sul tema. Il capogruppo Loredana Affinito ha aggiunto: «Ringraziamo il consigliere regionale Bosco, sceso in campo per ascoltare le istanze di un’intera città, che teme di perdere uno dei suoi principali simboli. Adesso occorrerà capire la volontà del governatore Vincenzo De Luca. Trasferire la gestione del Museo Campano alla Regione potrebbe essere una valida ancora di salvezza. In questo modo, infatti, potrebbero arrivare fondi per rivalutarlo e attuare il distacco di dipendenti, per mettere fine all’emorragia di personale che ha colpito la struttura capuana».


Pietro Rossi