04 febbraio 2016

RIUNIONE NELLA SEDE DEL PD A PIEIMONTE MATESE CON IL CONSIGLIERE PROVINCIALE ROCCO LANDI PER LA CHIUSURA AL TRAFFICO DEL PONTE MARGHERITA


Rocco Landi

PIEDIMONTE MATESE - Il 2 febbraio scorso, presso la sede del Circolo di Piedimonte Matese del Partito Democratico, si è tenuta un’assemblea con la partecipazione del consigliere provinciale Rocco Landi, di numerosi iscritti e simpatizzanti, nonché diversi amministratori della città, con in testa il sindaco Vincenzo Cappello. Il consigliere Landi è stato invitato dalla Segreteria per una discussione in merito a quanto accaduto sulla vicenda del Ponte Margherita, punto di collegamento tra il Matese ed il resto della Provincia di Caserta, la cui chiusura rischia di avere ricadute negative sull’intero territorio e sulla vita delle sue comunità. Dopo aver illustrato le enormi criticità da lui riscontrate in questo pur breve periodo che lo vede sedere nel Consiglio provinciale (il dissesto finanziario fra tutti), Landi ha illustrato i fatti che hanno portato ad interdire il ponte al traffico, a seguito di analisi compiute forse troppo frettolosamente, evidenziando soprattutto le lacune di un provvedimento che ha mandato in tilt il flusso viario del comprensorio. A breve arriveranno nuovi dati più certi circa lo stato di salute delle strutture del ponte e il consigliere si è impegnato a darne rapida e precisa comunicazione agli amministratori e ai cittadini di Piedimonte. Le conseguenze di questa vicenda, che presenta aspetti ancora poco chiari e che tuttora tiene banco nell’opinione pubblica, sono state poi ampiamente dibattute dall’Assemblea: il disagio per gli automobilisti, specialmente per una pessima e tardiva informazione da parte della Provincia; l’inadeguatezza delle arterie secondarie; un disagio generale del settore dei trasporti già ampiamente penalizzato da una ferrovia trascurata; ma soprattutto il sistema economico locale messo a rischio, già costretto a sacrifici enormi per via della crisi degli ultimi anni. Per questo la Segreteria ha dichiarato di volersi fare carico, responsabilmente, di un’attività di attenta vigilanza sulla vicenda e sul suo evolversi nei prossimi giorni, informando la cittadinanza e coordinandosi anche con quanti, nei centri limitrofi vogliano attivarsi per la promozione di iniziative di sensibilizzazione e protesta, fino a quando il territorio e i cittadini non otterranno risposte concrete sul futuro del ponte.




Premiazione del concorso di pittura intitolato "La Mia Terra" a Dragoni


Pasquale Di Meo

DRAGONI - Cerimonia ufficiale di premiazione sabato prossimo del secondo concorso di pittura intitolato "La Mia Terra" bandito nei mesi scorsi dal consorzio turistico delle Pro Loco del Medio Volturno per la scelta dell'immagine simbolo della quarta brochure degli eventi promossi sul territorio durante l'anno. Ancora una volta ad ospitare la consegna dei premi sarà la scuola elementare di San Giorgio che, come accaduto già l'anno scorso in occasione della prima edizione quando vinse Angela Pasquariello, ha visto un proprio alunno conquistare il gradino più alto del podio. A partire dalle ore 10,30, presso il salone della scuola primaria di Dragoni centro, è in programma il gran finale dell'iniziativa promossa dalle Pro Loco di Alvignano, Baia e Latina, Caiazzo, Castel Campagnano, Castel di Sasso, Dragoni, Formicola, Liberi, Piana di Monte Verna, Pontelatone, Ruviano e Treglia, che ha messo in competizione gli alunni delle scuole primarie dei rispettivi comuni. Un modo per avvicinare le scuole al mondo dell'associazionismo locale e per far riscoprire ai più piccoli, destinati ad essere i protagonisti del futuro, al territorio di appartenenza e alle sue ricchezze, per poi sfruttarne al meglio le potenzialità socio-economiche e culturali. Il titolo scelto "La Mia Terra" è emblematico perché ha spinto gli alunni a raccontare i contesti in cui vivono attraverso un disegno, dei colori, delle immagini e delle raffigurazioni dell'ambiente circostante. Il miglior disegno, quello che più degli altri simboleggia il medio Volturno, diventerà la copertina della brochure degli eventi 2016 che il consorzio delle Pro Loco Unpli presieduto da Pasquale Di Meo presenterà nelle prossime settimane, per il quarto anno consecutivo in maniera integrata ed unitaria. Alla cerimonia di sabato parteciperanno i sindaci dei comuni interessati, con in testa il padrone di casa Silvio Lavornia, ed i presidenti delle Pro Loco con in testa Erasmo La Marca, i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi statali di Alvignano Angelina Lanna, di Caiazzo Cecilia Cusano e di Formicola Antonella Tafuri, il vescovo Valentino Di Cerbo, il presidente della Provincia Angelo Di Costanzo, il provveditore agli Studi di Caserta Vincenzo Romano, i presidenti Unpli Campania Mario Perrotti ed Unpli Caserta Maria Fiore, una delegazione dell'associazione calabrese Paeseggiando ed i bambini tutti che hanno partecipato al concorso, con in sala anche i componenti della commissione giudicatrice. 
Pietro Rossi

INAUGURAZIONE DEL CENTRO POLIFUNZIONALE PER DISABILI E ANZIANI A PIEDIMONTE MATESE


Vincenzo Cappello

PIEDIMONTE MATESE  - E’ prevista per il prossimo sabato, 6 febbraio 2016, alle ore 18:00, l’inaugurazione del tanto atteso Centro polifunzionale per disabili e del Centro polifunzionale dedicato agli anziani, all’interno dei locali del complesso ex Salesiano di Piedimonte Matese di via Don Bosco. Giunto a termine l’iter progettuale, l’Amministrazione comunale di Vincenzo Cappello è pronta a consegnare alla cittadinanza due nuovi punti di riferimento sul territorio per il mondo del sociale. Su iniziativa del Comune del capoluogo matesino, che qualche anno fa ha acquistato l’immobile scongiurando il rischio di speculazioni di privati, i due progetti sono stati resi possibili grazie alle risorse assegnate dal Gal Alto Casertano nell’ambito del bando di attuazione della Misura 321 “Servizi essenziali alle persone che vivono nei territori rurali” del PSR Campania 2007/2013, risorse che hanno consentito di predisporre l’ammodernamento dei locali della struttura, ristrutturati appositamente  per ospitare le iniziative e le attività culturali, ricreative ed educative. Obiettivo dell’Amministrazione comunale di Piedimonte è dunque quello di farne un’istituzione centrale per la vita dei cittadini, offrendo loro occasioni di aggregazione ma anche servizi integrati di assistenza e accoglienza, dedicati agli anziani e ai soggetti affetti da disabilità con una compromissione dell’autonomia. Gli spazi degli ex Salesiani si apprestano così a riprendere quel ruolo sociale che ha sempre contraddistinto la loro storia nella città di Piedimonte Matese sin dagli inizi. “Siamo molto contenti e soddisfatti di aver raggiunto questo nuovo traguardo – dice il sindaco Vincenzo Cappello – una conquista di civiltà e un’opportunità per i nostri cittadini, quelli non più giovani e i disabili, che potranno usufruire di nuovi servizi e nuovi spazi dove socializzare e svolgere tantissime attività pensate per loro”.

AILANO DIVENTA "CITTÀ PER LA PACE".



AILANO. Ailano primo Comune del "Parco Regionale del Matese" e della "Comunità Montana del Matese" a ricevere il titolo di "Città per la Pace". I Giardinetti antistanti Piazza Madonna di Lourdes nominati dal Sindaco Lanzone "Piazza della PACE". L' importante riconoscimento, è stato conferito in occasione dello storico passaggio della Fiaccola della Pace dei 100 anni della grande guerra, dopo il solenne" Patto di Pace" siglato tra il Sindaco e la Presidente del Movimento internazionale per la Pace Agnese Ginocchio. I Giardinetti comunali adiacenti alla Piazza Madonna di Lourdes sono stati nominati dal sindaco Vincenzo Lanzone:"Piazza della Pace ". L'annuncio ufficiale proprio dopo la piantumazione dell'Albero della Pace dedicato a tutte le vittime e ai caduti della grande guerra, delle stragi, degli attentati, delle Shoah, delle mafie, delle criminalità e del terrorismo di Ailano e nel mondo. L'albero è stato benedetto dal diacono Fiorello Di Gaetano, originario di Bellona, la Città dei 4 martiri che l'anno scorso ospitò il passaggio della Fiaccola della Pace, e che a neanche un anno di distanza ha visto la distruzione del Simbolo della Pace che fu piantato nella piazza antistante la Scuola media, e che fu dedicato anche alla memoria dei 54 martiri. "Uno scempio inaudito"- ha riferito Agnese Ginocchio durante la manifestazione- "ma quello che più ha destato sconcerto è stato il silenzio e l'indifferenza delle Istituzioni che di fronte ad una gravissima azione del genere nulla hanno fatto per correre immediatamente ai ripari. L'area che ospitava il piccolo Albero l'abbiamo trovata nel completo degrado e piena di erbacce, mentre il resto delle aiuole della cittadina tutte ben curate. A che serve commemorare i martiri, sfilare pubblicamente e fare bei discorsi se poi si dà cattivo esempio?. "Quanto successo non si ripeta più"- Ha ribadito la testimonial della Pace, rivolgendosi ai giovani e invitandoli ad avere cura e a portare acqua ogni giorno al piccolo Albero piantato in Ailano. " Affinchè possa essere coltivato e crescere con le azioni di Pace da parte di tutti. Nell'Albero della Pace infatti, dimora lo spirito del Dio Creatore dell' Universo. Ecco perchè dobbiamo averne massimo rispetto!" Alla manifestazione sono intervenuti i Sindaci e delegati dei Sindaci dei comuni di: Raviscanina con Anastasio Napoletano, Valle Agricola con Franca Aurecchia, Marzano Appio nominata l'anno scorso "Città per la Pace", con l'Assessore alla Pubblica Istruzione nonchè Socio Onorario del Movimento per la Pace Rossana Carcieri, alla quale poi la Presidente del Movimento per la Pace ha incaricato di consegnare, in segno di ringraziamento per l'impegno profuso l'Attestato con la nomina di Socio Onorario del Movimento per la Pace, alla Consigliera di Ailano con delega alle Politiche sociali "Pina Di Fiore", "perchè è solo grazie a lei che si è potuta realizzare questa grande manifestazione odierna"- ha spiegato. Unanime è stato il messaggio lanciato in Piazza della Pace da parte delle Istituzioni presenti, a partire dal padrone di casa, il Sindaco Vincenzo Lanzone e dalla Consigliera Pina Di Fiore, dal Sindaco di Raviscanina Anastasio Napoletano, dalla delegata del Sindaco di Valle Agricola Franca Aurecchia, dall'Assessore Rosanna Carcieri, delegata del Sindaco di Marzano Appio Carlo Eugenio Ferrucci e dalla Presidente del Movimento per la Pace, intervenute all'evento di Pace: "Il nostro grido di Pace è dedicato a tutti i caduti e alle vittime delle guerre passate ed in corso, alle Shoah passate e a quelle in corso. La memoria del passato è la chiave per costruire un futuro di Pace. E' doveroso ricordare in questo giorno in cui si celebra la memoria della Shoah, le numerose guerre e i conflitti che sono in corso nel mondo, causa di morti e distruzione, i profughi, costretti a fuggire per sopravvivere alla guerra, molti di questi "bambini" che durante il loro viaggio per la sopravvivenza, incontrano la morte lungo i mari. Occorre porre fine a questo scenario devastante e inculcare nei nostri giovani l'attenzione verso questi temi fondanti e l'educazione alla Pace, quale prerogativa agli scontri di civiltà e unica alternativa che salva il futuro. Il riconoscimento del diritto umano alla Pace ed il ripudio alla guerra deve essere una prerogativa essenziale: è venuta l'ora di dichiarare che la Pace è un diritto umano fondamentale per tutti i popoli! "PACE" nel giorno della Shoah e ogni giorno, questo deve essere il nostro motto, il nostro impegno permanente, perché ricordare è un obbligo al quale non ci si può sottrarre". Lo storico passaggio della "Fiaccola della Pace" dei 100 anni della grande guerra, uno dei più importanti avvenimenti di Pace che si siano mai svolti nella nostra terra, chiama a raccolta Enti locali e Scuole ad aderire all'appello per il riconoscimento del diritto alla Pace. Gli Enti e le scuole che aderiscono ricevono il titolo di Pace. Come appunto avvenuto con la Città di Ailano e l' Istituto Comprensivo "D. Carlo Monaco " di Ailano, al cui dirigente scolastico Dott. Mario Grillo, durante il passaggio della Fiaccola nella CIttà di Mignano Monte Lungo, fu consegnato l'anno scorso mediante Patto di Pace siglato tra il Dirigente scolastico e la Presidente del Movimento per la Pace. Con la nomina di Pace si intende far nascere il Coordinamento Enti Locali per la Pace e Scuola di Pace della provincia. Per discutere intorno ad un tavolo, nel segno della Pace e del dialogo sulle problematiche globali che investono il mondo a partire da quelle della nostra terra e portare avanti una serie di iniziative finalizzate alla promozione della cultura della Pace. Sono già Città per la Pace i seguenti Comuni che hanno aderito all'appello: Capodrise, Mignano Monte Lungo, Marzano Appio, Solopaca(Bn), San Nicola La Strada, Santa Maria la Fossa ed Ailano. In corso la procedura di prossima nomina per altri Comuni. E' doveroso ringraziare per la loro presenza le seguenti Istituzioni: i Carabinieri della stazione di Ailano, la Protezione Civile, il Direttivo dell'Associazione "Il Faro" di Ailano, la parrocchia di San Giovanni Evangelista, i rappresentanti della Pro Loco ed infine l'Istituto Comprensivo "D. Carlo Monaco" retto dal preside Mario Grillo con la rappresentante di plesso Pina Covelli e le docenti che hanno accompagnato gli alunni ben preparati per la giornata, che hanno sfilato durante il corteo esibendo i loro cartelloni e poi recitando bellissime e commoventi liriche dedicate alla Pace e alla memoria. Al momento della piantumazione dell'Albero della Pace, gli alunni della media più grandicelli sono stati chiamati dal Sindaco Vincenzo Lanzone per essere proprio loro i protagonisti della piantumazione del piccolo Albero amico di tutti i bambini del mondo. E' doveroso ringraziare il padrone di casa che ha aperto più volte le porte del proprio comune alla Pace, il Sindaco Vincenzo Lanzone, la Consigliera Pina Di Fiore e tutta l'Amministrazione Comunale di Ailano. Infine, la redazione di "ItaliaNews24" con gli inviati Mariangela Marotta e Andrea Caprarelli che hanno svolto un servizio sulla manifestazione. Le foto della manifestazione sono state scattate dal giovane volontario del Movimento per la Pace Pasquale Biondi, che si ringrazia per la disponibilità mostrata.