08 gennaio 2016

Proseguono nella frazione di Sepicciano i lavori di aggiornamento della rete idrica

Vincenzo Cappello
PIEDIMONTE MATESE - Puntano all’ottimizzazione dell’uso idropotabile della rete idrica i lavori in corso a Piedimonte Matese, nella frazione di Sepicciano, dove da anni alcune utenze si ritrovano a patire carenze del servizio idrico che arrecano brutti disagi soprattutto nei periodi estivi. Gli interventi sono attualmente in corso d’opera: gli operai della ditta incaricata sono al lavoro nel centro storico della frazione, dove si stanno concentrando sulla sostituzione delle vecchie condutture ormai obsolete con tubature nuove e moderne. Si tratta di interventi strutturali, sia nuovi che di completamento di quelli già terminati in passato, che hanno quale obiettivo il rifacimento della rete di distribuzione di acqua potabile in alcune aree della città, per un totale di 719mila euro, costituiti in larga parte da fondi regionali (500mila euro) a valere sulla Legge 388 del 23/12/2000, e per il resto da risorse comunali. “Un piano di aggiornamento alla rete idrica necessario per colmare tutte le sue lacune e rendere così più efficiente ed economico l’approvvigionamento idrico presso le utenze”, spiega il sindaco di Piedimonte Matese Vincenzo Cappello, che sottolinea anche come questi lavori siano stati da sempre “una delle priorità dell’Amministrazione comunale, che ha cercato di individuare una soluzione definitiva ai problemi idrici su parte del territorio comunale di Piedimonte, un paradosso se si considera che un tempo la città era rinomata per la bontà e la quantità delle sue acque”. Tra gli interventi previsti - che arrivano dopo la risoluzione di un altro grande deficit del sistema idrico locale, quello dell’Acquedotto Campano e della turnazione tra i comuni altocasertani - vi è la realizzazione di nuove condotte e diramazioni, la sostituzione di pompe e motori obsoleti e una revisione degli attuali serbatoi, interventi che serviranno a ridurre quei malfunzionamenti e quegli sprechi che in questi anni hanno causato non pochi disagi a diversi cittadini. E’ altresì prevista l’introduzione di nuove tecnologie finalizzate a migliorare l’efficacia e la funzionalità della distribuzione d’acqua sul territorio comunale.


SEQUESTRATA UNA SERRA ATTREZZATA PER LA COLTIVAZIONE DI MARIJUANA

AVERSA - I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa, nel corso di un ordinario accesso per fini fiscali effettuato nell’abitazione di un imprenditore, si sono trovati di fronte ad una vera e propria centrale di produzione di sostanze stupefacenti. Le Fiamme Gialle stavano approfondendo un controllo tributario nei confronti di un’impresa di commercio di autovetture per la quale, da anni, non veniva presentava alcuna dichiarazione dei redditi, quando hanno smascherato l’illecita attività esercitata dal titolare della stessa. In particolare, nel corso della ricerca della documentazione relativa all’esercizio dell’impresa è stata scoperta, all’interno di un’ampia stanza dell’appartamento, una vera e propria serra attrezzata con autonomo impianto di illuminazione, riscaldamento e ventilazione, in grado di riprodurre artificialmente le condizioni climatiche ideali per la coltivazione di marijuana, nella quale sono state rinvenute quindici piante in piena fioritura pronte per essere lavorate. Al termine delle attività, la sostanza stupefacente e tutta l’attrezzatura utilizzata per la coltivazione sono state sottoposte a sequestro e M.A., 32enne residente in Villa di Briano, è stato tratto in arresto e posto a disposizione della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere in attesa del processo. Il responsabile dovrà rispondere, oltre che per le violazioni di carattere fiscale connesse alla propria attività di commercio di autovetture, del reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, che prevede la pena che va dai sei ai venti anni di reclusione. L’operazione di servizio condotta costituisce un’ulteriore conferma del controllo esercitato dalla Guardia di Finanza sul territorio casertano a tutela della legalità. Il contrasto ai traffici illegali, come la produzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti, mira alla salvaguardia della vita umana nostra e dei nostri figli.

Comunicato Guardia di Finanza - Comando Provinciale Caserta