23 maggio 2016

Reperiti i fondi per la ricostruzione di Ponte Margherita, chiuso dagli inizi dello scorso mese di gennaio a causa della sua pericolosità.



DRAGONI - Tra gli interventi inseriti nel masterplan della Campania allegato al Patto per il Sud varato dal governo centrale e sottoscritto nelle scorse settimane presso la Prefettura di Napoli dal premier Matteo Renzi e dal presidente della Regione Vincenzo De Luca, figura anche la realizzazione ex novo del cavalcavia sul fiume Volturno. Unica opera riguardante l'intero territorio di Terra di Lavoro, sarà finanziata con 8 milioni di euro così come richiesto dall'amministrazione provinciale presieduta da Angelo Di Costanzo all'indomani del provvedimento di interdizione del traffico pedonale e veicolare lungo la struttura che collega il Matese con la valle del medio Volturno, il Monte Maggiore ed il resto della provincia casertana.  Già preannunciato da Di Costanzo e dai consiglieri provinciali Silvio Lavornia e Stefano Giaquinto nell'assemblea pubblica svoltasi a fine gennaio presso la sala consiliare di Dragoni, il finanziamento a valere sulle risorse europee messe a disposizione del Meridione dal governo centrale sulla scorta delle esigenze palesate dalla Regione e delle priorità indicate dalle singole province campane, consentirà di costruire un nuovo ponte al posto dell'attuale cavalcavia ormai non più antisismico e statico tanto da essere considerato a rischio crollo. Un intervento ritenuto assolutamente necessario dall'amministrazione provinciale Di Costanzo e dalla stessa amministrazione comunale dragonese guidata dal sindaco e consigliere provinciale Lavornia che, di concerto anche con il delegato provinciale alla Viabilità Giaquinto, hanno lavorato alacremente fino ad oggi per trovare i fondi necessari a superare una vera e propria emergenza economica e sociale, e ad affrontare e risolvere una questione rilevante sotto il profilo logistico perché da ormai 5 mesi l'intera zona interessata e servita da Ponte Margherita langue in una crisi irreversibile scaturita dal blocco del traffico leggero e pesante nell'area comprendente i diversi comuni di Dragoni, Baia e Latina, Alvignano, Alife, Piedimonte Matese ed altri centri limitrofi.  La notizia dell'assegnazione delle risorse per la costruzione ex novo del ponte era stata già anticipata al comitato Pro Ponte dalla Provincia nell'incontro svoltosi di recente prese il Comune di Dragoni, proprio all'indomani della firma del Patto per il Sud che poi ha visto la pubblicazione ufficiale del masterplan al cui interno figura quale unico intervento in favore di Terra di Lavoro. "Abbiamo mantenuto l'impegno assunto nei mesi scorsi di risolvere un problema reale - dichiara Silvio Lavornia - e ci siamo riusciti tra lo scetticismo generale e nonostante in tanti remassero contro, grazie alla sinergia istituzionale con la Regione ed il Governo e sulla base della comune condivisione con cittadini e imprenditori dell'obiettivo di dare una risposta celere e concreta ad una problematica tanto sentita e che già molti danni ha creato purtroppo fino ad oggi.  Devo, peró, dare atto al presidente della Provincia Di Costanzo di aver centrato il risultato di ottenere il finanziamento, con il contributo del Comune di Dragoni e del sottoscritto e dell'amico consigliere Giaquinto". Ora non resta che redigere nel più breve tempo possibile il progetto definitivo che sarà curato dal settore Viabilità della Provincia. “Grazie ad una sinergia istituzionale con l’assessore regionale Sonia Palmeri, il governatore Vincenzo De Luca ed i consiglieri regionali Luca Cascone e Gennaro Oliviero, siamo riusciti ad ottenere un cospicuo finanziamento per partire quasi subito con i lavori per la ricostruzione del nuovo ponte Margherita a Dragoni", spiega Angelo Di Costanzo che terrà anche una conferenza stampa per illustrare le risultanze dell'attività sin qui svolta dall'amministrazione provinciale per risolvere la problematica.
Pietro Rossi