24 maggio 2016

IL RECUPERO DEL PALAZZO DUCALE DI PIEDIMONTE MATESE QUARTO NELLA CLASSIFICA TRA I PIU’ VOTATI DEL PROGETTO “I LUOGHI DEL CUORE” DEL FAI



Piedimonte Matese – Il Comitato Civico “Recuperiamo Palazzo Ducale”, costituito il 28 febbraio scorso sulla scorta di un movimento volto al recupero di Palazzo Ducale “Gaetani d’Aragona” di Piedimonte Matese, si è fatto promotore di una raccolta di firme allo scopo di sensibilizzare e ottenere dalla Provincia di Caserta, comproprietaria del Palazzo Ducale, risposte circa il mancato utilizzo di fondi “post sisma 2013 destinati, in parte anche al parziale recupero e conservazione dell’immobile. Con oltre 1500 firme raccolte il Comitato sta portando avanti la campagna di sensibilizzazione attraverso azioni coordinate proprie e in sinergia con altre realtà associative aventi analoghe finalità. l'azione prosegue anche sui social ed in particolare attraverso la pagina facebook "recuperiamo palazzo ducale". Il Palazzo Ducale "Gaetani d'Aragona" di Piedimonte Matese ha bisogno di un urgente recupero conservativo negli appartamenti rinascimentali / barocchi, nel cortile delle Aquile, nel porticato cinquecentesco e nel salone denominato di San Paolo; ha urgente bisogno della messa in sicurezza e del rifacimento delle coperture e della facciata con recupero delle architetture durazzesco - catalane . Queste motivazioni hanno spinto il Comitato e i cittadini piedimontesi a  segnalare il Recupero del Palazzo Ducale "Gaetani d'Aragona" di Piedimonte Matese al F.A.I. – Fondo Ambiente Italiano, candidandolo all’8^ edizione del Progetto “I Luoghi del Cuore”. In queste prime settimane, il Recupero del Palazzo Ducale di Piedimonte Matese, è al quarto posto in classifica tra quelli più votati ma per essere sicuri di essere finanziati con un contributo del FAI bisogna arrivare tra i primi tre. La partecipazione al censimento avviene attraverso la segnalazione, mediante una delle seguenti modalità:  accesso al sito www.iluoghidelcuore.it ; accesso all’App “FAI-Fondo Ambiente Italiano”; la compilazione di appositi moduli di raccolta firme, scaricabili dal sito web www.iluoghidelcuore.it o da richiedere all’Ufficio I Luoghi del Cuore o la compilazione di cartoline reperibili presso le filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo.Ognuno può segnalare più di un luogo del cuore, ma per ogni luogo deve esprimere un solo voto. Le segnalazioni possono essere effettuate dal 17 maggio al 30 novembre 2016. Quest’anno il FAI chiede di pensare ai luoghi che hanno regalato un’emozione e di segnalarli, per fare ciò basta un click votando il luogo prescelto sul portale del Fondo Ambiente Italia. Ognuno di noi è emotivamente legato ad almeno un luogo che spesso rappresenta una parte importante della propria vita e vorrebbe che fosse protetto per sempre. Questo è il presupposto che ha dato il via tredici anni fa al censimento nazionale “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che chiede a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare. Il FAI e Intesa Sanpaolo hanno già dato voce alle decine di migliaia di segnalazioni raccolte scrivendo a Sindaci e Soprintendenti. Inoltre 68 sono stati finora gli interventi di recupero in 15 regioni che hanno contribuito a restituire un futuro di tutela e valorizzazione a molti luoghi votati.
 Pietro Rossi