02 aprile 2016

PRESENTAZIONE DEL LIBRO” ANNUARIO 2015” DELL’ASSOCIAZIONE STORICA DEL MEDIO VOLTURNO.


Piedimonte Matese –Cresce l’attesa in tutta l’area del Medio Volturno, del Beneventano e  Venafrano per la presentazione dell’Annuario 2015 che raccoglie scritti di autori diversi su argomenti storici, artistici, architettonici ed economia rurale. La sede dell’avvenimento è, come sempre, la storica Sala Minerva dell’Associazione Storica in via Sorgente n.6, deputata a contenere i numerosi autori  dell’annuario con i cospicui appassionati della cultura locale. Il programma dell’evento avrà inizio con il saluto del Presidente dell’Associazione dr. Pasquale Simonelli che nella presentazione dell’Annuario così scrive: “ Il 2015 è stato un anno particolare per l'Associazione, perché si è celebrato il centenario della Sua fondazione, avvenuta, come ormai tutti sanno, il 12 settembre 1915. E' stato celebrato degnamente, con una coinvolgente cerimonia, nell'aula consiliare del Comune di Piedimonte Matese dove si riunì sia la prima assemblea costituente, sia la seconda, cinquant'anni dopo. Il sindaco Vincenzo Cappello ha consegnato, a ricordo, una bella targa e il Presidente della Comunità Montana. Fabrizio Pepe, una pergamena; a seguire, nel pomeriggio nella sala Minerva dell'Associazione. in via Sorgente, un concerto di musica classica e alcune toccanti testimonianze di studiosi del territorio sulla storia dell'Associazione e sull'importanza che ha avuto ed ha nel panorama culturale dell'area del Medio Volturno. Un giusto orgoglio ci pervade, perché siamo riusciti a dare testimonianza del lascito morale di Dante Marrocco: continuare il cammino tracciato da Lui e dal padre Raffaele e tenere viva l'attività dell'Associazione. A dicembre di questo stesso anno, ricorderemo anche la nascita di Dante Marrocco (16/12/1915) che, guarda il destino, era nato lo stesso anno in cui il padre fondò, con un gruppo di appassionati studiosi, l'Associazione. Lo ricorderemo con testimonianze e con un concerto affinché la sua figura possa rimanere fiaccola di luce perenne per gli studiosi del Medio Volturno.L'Annuario che presentiamo è dunque una testimonianza storica della nostra continuità e del nostro impegno a non deludere le aspettative dei nostri affezionati lettori, studiosi, simpatizzanti. Si sono anche risvegliati gli studi su Sveva Sanseverino. questa straordinaria donna dell'aristocrazia napoletana e piedimontese che, a distanza di secoli, non smette di stupirci e affascinarci con la sua personalità poliedrica e ben due scritti sono incentrati sulla sua figura. Gli altri articoli sono di varia cultura e, come è caratteristica del nostro Annuario, spaziano su argomenti e ricerche le più interessanti per accrescere la conoscenza del  nostro territorio, tutte stimolanti la nostra curiosità e il piacere di conoscere”. Subito dopo la relazione di Giovanni Cerchia professore di Storia Contemporanea dell’Università del Molise sul tema: “fu vera gloria – rivisitazione della grande guerra”. L’Annuario 2015”, nuova serie n.4 ha avuto la supervisione del comitato scientifico composto dal presidente Pasquale Simonelli, coordinamento Federico Marazzi e dai componenti Giano Giotto Borrelli, Eugenio Capozzi, Antonio De Simone, Marino Niola, Mario Pagano, Pasquale Rossi e Gianluca Tagliamonte. Editing dr. Daniele Ferraiuolo  L’Annuario 2015 comprende studi e ricerche di Luigi Di Cosmo, Vito A. Maturo:Cusano Mutri (BN ltalia) - nota sui grandi contenitori in ceramica. Una produzione cerretese per la comunità; Lina Di Lullo Iannitti: La donna nel medioevo. Sveva Sanseverino; Alfredo Fontanella: la nascita del sistema museale ''Terra di Lavoro"; Ranieri Gaetani d'Aragona: Donna Sveva Sanseverino. ''La vita e le ragioni del matrimonio con Giacomo II Gaetani dell'Aquila Signore di Sermoneta IV Conte di Fondi"; Angelo Gambella: Una lettera circolare del l9l5 di Felice Del Sordo vescovo di Alife; Santina Ginocchio:  Semi di saggezza: proverbi e detti alifani; Giovanni Guadagno: La tormentata nascita del fascismo a Piedimonte d'Alife (1919-1929); Nicola Mancini Fuentes:La leggenda dello stemma civico della città di Alife; Mario Martini: Le opere di assistenza e beneficenza dell'Arciconfraternita del Carmine di Piedimonte Matese ;Maria Mastrangelo: Le tele di Teresa Palomba nella pinacoteca del Museo Civico "Raffaele Marrocco"; Franco Mattei: Il martirio di Santa Felicita dei suoi sette figli; Pasquale Maturi: Melizzano e la devozione a San Pietro Apostolo; Mario Nassa: Venafrum.- Avvio, controtendenza e stasi degli studi circa le presunte coniazioni urbiche del III secolo a.C.; Gianni Parisi: Il busto bronzeo del musicista Alessandro Vessella nella Villa Comunale di Alife; Armando Pepe: Un moto popolare in Sant'Angelo d'Alife agli albori del fascismo; Pasquale Simonelli: Il GAL. - Vero volano dell'economia rurale, agro-alimentare e turistica nell'Alto Casertano. Storia e attualità; Gino Tino: La solitudine nel Diario di Dante B. Marrocco; Simeone A. Veccia, Simona Veccia:  I rappresentanti del Circondario di Piedimonte nel Consiglio Provinciale di Terra di Lavoro (anni1862/1880). Prima parte: anni 1862/1865. Cronaca delle funzioni e delle iniziative politico-amministrative dei rappresentanti in relazione ai bisogni delle comunità del distretto.
 Cav. Uff. Nicola Iannitti