30 aprile 2016

INCONTRO DI LAVORO A CASERTA PER LA COOPERAZIONE TRA CENTRI PER L’IMPIEGO E C.O.P. REGIONALI






CASERTA- Si è tenuto presso la sede regionale del Servizio Provinciale Territoriale di Caserta, c/o l’ex CIAPI di S.Nicola La Strada,  un incontro tra i responsabili dei C.P.I della provincia di Caserta e gli operatori regionali dei Centri di Orientamento Professionale  casertani sulle tematiche delle politiche attive del lavoro e del Progetto “Garanzia Giovani”. All’incontro, fortemente voluto dal Dott. Marco Balzano Dirigente del Servizio Territoriale Provinciale di Caserta, hanno partecipato Rosa Italiano del C.p.I. di Piedimonte Matese, Enrico Di Sano del C.p.I. di Capua, Marisa Schisano del C.p.I. di Aversa,  Carmela Votta   del C.p.I. di Casal di Principe,  D’Agostino del C.p.I. di Caserta e Fiorillo per il C.p.I. di Teano. Quello tenutosi a Caserta, ha ribadito il Dirigente regionale Marco Balzano,   è stato un utile incontro di lavoro che ha permesso un confronto di idee sulle possibili modalità per una proficua prossima collaborazione tra C.P.I. e C.O.P. in previsione dell’avvio del Piano di Attuazione Regionale. La Regione Campania ha proposto un proprio modello di intervento nel Piano Attuativo Regionale (PAR) facendo leva sulla rete territoriale dei servizi competenti per il lavoro, pubblici e/o privati, per dare una risposta efficace ai giovani che si affacciano al mercato del lavoro dopo la conclusione degli studi. Il Programma Garanzia Giovani a livello regionale   prevede una forte integrazione tra le strutture dei Centri per l’Impiego, le strutture regionali di Orientamento (C.O.P.), di Formazione (C.F.P.R.) e le strutture territoriali dei Centri informagiovani, per il potenziamento e la qualificazione dei Servizi pubblici per il Lavoro. I servizi di orientamento di primo e di secondo livello, potranno essere potenziati nei centri per l’impiego con risorse specialistiche delle strutture regionali. La diffusa rete dei centri e sportelli Informagiovani sarà invece attrezzata per le funzioni di prima informazione e accoglienza secondo il modello delineato nel Programma nazionale per i Youth corner, consistenti nella informazione all’utenza sulle finalità e i contenuti del programma, nell’assistenza per le operazioni di adesione on line, nell’informazione sui servizi disponibili per le operazioni di presa in carico e di attivazione della garanzia.
Pietro Rossi