03 settembre 2015

Liquidati soldi a favore della Comunità Montana del Matese.

Luigi Bosco
PIEDIMONTE MATESE  - Con un decreto del 31 agosto del 2014 a firma della dirigente regionale Flora Della Valle, è stata liquidata un’importante somma a favore della Comunità Montana del Matese, fondamentale anche per i dipendenti dell’organo. A diffondere la notizia è il consigliere regionale di ‘Campania Libera’ Luigi Bosco. Il provvedimento adottato – continua il vice presidente della commissione consiliare Attività produttive, Industria, Commercio e Turismo – consentirà di liquidare le spese del 2014 dei forestali dell’Alto casertano e di saldare i lavori di sistemazione di sentieri naturalistici ed antica viabilità rurale, di manutenzione degli alvei e delle opere di ingegneria naturalistica. Sono molto soddisfatto per il via libera a questo provvedimento, visto che una delle nostre battaglie più sentite ha iniziato a trovare i primi riscontri positivi». Già durante l’ultima campagna elettorale, infatti, Luigi Bosco aveva avuto numerosi incontri nei paesi del Matese per parlare delle problematiche legate alle Comunità montane. «Nei mesi scorsi – afferma il consigliere regionale – ho potuto apprezzare le bellezze, soprattutto naturali, di queste zone, che purtroppo non sono mai state valorizzate pienamente e spesso sono state abbandonate dalle istituzioni regionali e non solo. Ritengo che il lavoro dei forestali sia fondamentale per il rilancio del territorio matesino. Per questo è importante continuare a lavorare per la definitiva ripresa della Comunità montana. A tal proposito – conclude Bosco - ringrazio l’ingegnere Pompeo Furno per il valido supporto fornitomi in questi mesi in relazione allo studio della tematica dei Baif.

Pietro Rossi

La Via Francigena del Sud nell’Alto Casertano e nel Beneventano tra gli Itinerari culturali e di pellegrinaggio: I Cammini dell’Anima



ALIFE - È previsto per il week end che va dal 4 al 6 settembre, l’evento che ha per titolo “Il Cammino dell’Anima”, organizzato dal GAL Consorzio Alto Casertano, in collaborazione con i GAL beneventani Titerno e Taburno. La manifestazione si inserisce nelle Azioni Comuni riferite al Progetto di Cooperazione Interterritoriale “Cammini d’Europa: Rete Europea di Storia, Turismo e Cultura” (PSR 2007-2013 – Misura 421 – Cooperazione), che ha avuto come capofila il GAL Soprip, operante sui territori di Parma e Piacenza. Il Progetto che ha avuto come obiettivo principale quello di promuovere ed animare la Via Francigena del Sud, prolungamento della Via Francigena di Sigerico, che da Canterbury arrivava a Roma, ha raggiunto ormai un partneriato composto da sedici GAL, ricadenti su diversi territori nazionali. L’iniziativa definita “Cammino dell’Anima”, organizzata dai tre GAL campani –Alto Casertano, Titerno e Taburno-  ha come scopo quello di raggiungere, nell’arco di tre giornate, Pietrelcina (BN), città natale di San Pio, considerando come punto di partenza la cattedrale di Alife (CE). Il percorso che vedrà un primo momento inaugurativo presso la Cattedrale di Alife, la mattina di venerdì 4 settembre, alle ore 8.30, a cui prenderanno parte rappresentanti dei GAL coinvolti, nonchè figure rappresentative del clero e rappresentanti istituzionali legati ai territori coinvolti, muoverà alla volta di Faicchio, dopo aver attraversato il territorio di Gioia Sannitica. La giornata che più interesserà il territorio relativo all’Alto Casertano, sarà proprio il 4 settembre. Durante la mattinata, dopo la distribuzione delle Credenziali alla partenza, a metà percorso ci sarà una sosta presso Madonna del Bagno, chiesetta ricadente nel Comune di Gioia Sannitica, presso la quale verrà effettuata una breve pausa pranzo, a cura del GAL Alto Casertano che, in collaborazione con le Pro Loco locali, con l’Unpli Caserta e la Rete d’Imprese del GAL, offrirà ai partecipanti la “Bisaccia del Viandante”. Il percorso proseguirà poi alla volta di Faicchio, ultima tappa della prima giornata. Durante le giornate successive di sabato e domenica, il Cammino continuerà alla volta di Pietrelcina, attraversando i territori ricadenti nella Provincia di Benevento. Durante questi giorni, verranno organizzati eventi ricreativi e culturali, pomeridiani e serali, che allieteranno la permanenza di quanti saranno intenzionati a percorrere il pellegrinaggio lungo tutte le tappe e, ovviamente, non mancheranno momenti di riflessione e di preghiera che ricorderanno ai partecipanti lo spirito principale del pellegrinaggio lungo questa tappa della Via Francigena del Sud. L’intervento è stato inserito nella Misura 421 del PSL Alto Casertano: Giardino di Terra di Lavoro, realizzato dal GAL Alto Casertano.
Pietro Rossi